Quali sono i benefici e le proprietà dello zenzero?

Originaria dell’Estremo Oriente, più precisamente della Cina meridionale, è da tempo largamente coltivata nella fascia tropicale e subtropicale. È dotata di un rizoma carnoso e ramificato in cui si concentrano i principi attivi e dalla cui forma prende il nome questa pianta. Il termine zenzero ha origini antiche e deriva dal sanscrito srngaveram, che significa appunto “radice cornuta”.Come accennato lo zenzero può migliorare i processi digestivi e contrastare il problema dell’acidità di stomaco.
Questo provoca anche una distensione delle pareti intestinali, per cui migliora il transito del bolo e si evitano fenomeni di putrefazione e quindi della diffusione di infiammazioni e batteri.
In tal modo si allevia anche il problema del meteorismo (accentuata produzione di gas intestinali), e il gonfiore molto fastidioso che interviene dopo i pasti.
Nel caso di un pasto abbondante per favorire la digestione è indicato lo zenzero fresco, da mangiare a crudo.Con l’avvicinarsi della stagione fredda tutti sono alla ricerca di metodi alternativi di cura, che possano evitare l’assunzione di dosi eccessive di farmaci. Lo zenzero è noto fin dall’antichità per le sue proprietà antinfiammatorie, che possono liberare le vie aeree superiori dal muco per aiutare a respirare meglio, specie di notte.
Per lo stesso motivo è indicato come coadiuvante per calmare la tosse, in particolare quella grassa con espettorato biancastro.
Per ottenere tutti questi benefici basta preparare una tisana e far decantare per circa 10 minuti pezzi di zenzero in acqua bollente. Per le donne il ciclo è spesso un periodo dove affrontare una serie di disturbi, che in certi casi diventano invalidanti.
Lo zenzero, che è ottimo contro dolori e infiammazioni, può essere impiegato con buoni risultati anche in questo caso.
Si può assumere bevendo una tisana, ma anche mescolandolo al cibo quando è in polvere, usato come condimento o ingrediente aromatico che esalta i sapori.
Al ciclo mestruale è legato anche un sintomo molto frequente, che è quello della nausea. Se è vero che lo zenzero migliora il processo digestivo è altrettanto reale la possibilità di alleviare la nausea che deriva dagli squilibri ormonali, tipici di questo periodo per la donna.
A questo si aggiunge anche quella provocata dal mal di mare o da viaggi prolungati su strade tortuose. La comodità dei benefici dello zenzero si può trovare anche sotto forma di caramelle secche o gommose, o con i pezzetti da masticare e succhiare, oltre che in bustine per gli infusi.Il diabete è una delle malattie dismetaboliche più diffuse e pericolose che si possano contrarre e interessa sia giovani che anziani.
Lo zenzero può aiutare ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue, dirottandoli verso i muscoli che li usano per generare energia e smaltirli nel modo più proficuo. Questa qualità eccezionale è stata scoperta durante uno studio universitario in Australia e ha provato che una sostanza presente in questa spezia, come il gingerolo, può dare questi effetti insperati.