Come riattivare il proprio metabolismo?

Dimagrire molti chili soprattutto dopo le feste è un desiderio di tutti e per bruciare velocemente i grassi avere un metabolismo attivo è essenziale.
Ma iniziamo con il capire che cos’è davvero il metabolismo.
Per farla semplice possiamo dire che il metabolismo è la rapidità con cui il corpo brucia nel nostre calorie per appagare i propri bisogni vitali. La cosa fondamentale per far si che il metabolismo sia attivo e veloce, oltre ad un regime alimentare corretto, è l’attività fisica. Infatti un corpo con maggior massa magra fa si che il metabolismo faccia bruciare i grassi anche durante le ore di riposo in quanto il muscolo è un tessuto in continuo rinnovamento.
Lo sport fa si che il metabolismo aumenti sotto forzo e che continui ad agire anche dopo la sessione di allenamento, addirittura fino a dodici ore dopo.

Per aumentare il nostro metabolismo però non bisogna praticare sempre lo stesso allenamento ma bisogna variare ogni due/tre mesi con esercizi che attivano la resistenza (riuscendo a mantenere il metabolismo attivo anche per otto ore) e con esercizi di potenziamento muscolare che aiutano ad aumentare la massa magra (i muscoli).
Un metodo efficace suggerito dai migliori persona trainer del mondo è ‘L’interval training‘ ovvero un allenamento ‘discontinuo’.
Esso è caratterizzato da vari allenamenti ad alta intensità contrapposti da allenamenti ad un’intensità più bassa, ciò permette di stimolare sia il metabolismo anaerobico e sia il metabolismo aerobico e quindi migliorare sia a livello cardiocircolatorio e sia a livello muscolare.

Quindi, ricapitolando, riattivare (o mantenere attivo) il proprio metabolismo è il passo fondamentale insieme ad una sana dieta per poter perdere peso o mantenere lo stato di forma attuale.
Va ricordato inoltre, che ogni individuo hai il proprio metabolismo, quindi ognuno dovrà seguire un piano di allenamento e alimentazione personalizzato senza cadere in quelle finte diete generiche che promettono la Luna ma non serviranno a nulla.