Quanta carne mangiare ogni settimana? Ecco il consiglio dell’esperto

La carne è senza dubbio uno dei cibi più mangiati al Mondo. Alla base di ogni dieta che si rispetti, non manca mai nei frigoriferi delle persone. Che sia rossa o bianca non fa differenza, davanti da un arrosto o un petto di pollo chiunque non resisterebbe (ovviamente vegani e vegetariani esclusi).
La carne, qualunque essa sia, è il cibo che apporta il maggior numero di proteine al nostro corpo e soprattutto, se cotta e cucinata come si deve, sarà perfetta per la nostra dieta: sia per quanto riguarda le diete per mettere massa magra, sia per quelle seguite per perdere massa grassa.
Ovviamente però, spesso si sente di gente che, esagerando con le quantità ingerite, ha problemi di salute causati proprio da un eccesso di carni. Proprio per questo, a fare il punto della situazione è stato Luca Piretta, medico nutrizionista di Melarossa

Tutte le proprietà nutrizionali della carne

Prima di specificare le quantità che un normale essere umano dovrebbe ingerire durante una settimana, è necessario conoscere le proprietà nutrizionali della carne per poter capire cosa e come stiamo mangiando.
Oltre che ricchissima di proteine, nella carne, sono molti contenuti aminoacidi necessari e soprattutto utilizzabili dall’ organismo per soddisfare i complessi processi metabolici. E’ poi senza dubbio ricca di sali minerali e vitamine.
Tra le vitamine abbondano quelle facenti parti del gruppo B, in particolare la B12, che risulta indispensabile per la formazione dei globuli rossi e per il corretto funzionamento del sistema nervoso.
Riguardo i sali minerali invece  non si possono dimenticare di certo i preziosi ferro, il selenio e lo zinco, indispensabili per il nostro organismo. Infatti Il ferro contenuto nella carne è qualitativamente e quantitativamente superiore e maggiormente facile da assorbire per l’ organismo rispetto a quello presente nei vegetali; ovviamente anche quello vegetale è utile al nostro corpo, ma meno rispetto a quello della carne.
Il selenio poi, è un antiossidante naturale che contrasta l’azione dei radicali liberi. Mentre Lo zinco è un minerale importante per il corretto funzionamento degli ormoni e anche dell’insulina.

Quindi qual è la giusta dose di carne a settimana?

Come detto prima, a dare una risposta concreta a questa domanda, ci ha pensato il medico nutrizionista Luca Piretti.
La prima particolarità della carne fatta notare dall’esperto è che, è si ricca di ottime proprietà nutrizionali, ma soprattutto la carne rossa contiene anche un’alta quantità di colesterolo e trigliceridi. Questo potrebbe portare, nel caso di abusi, patologie cardiovascolari e circolatorie anche serie.
Proprio per questo motivo, gli ultimi studi scientifici citati anche dal dottor Piretti, consigliano di mangiare carne rossa al massimo 2 volte a settimana, in quantità che non superino i 200 grammi per porzione. In generale invece, variando tra carne rossa e carne bianca, è consigliabile avere sulla propria tavola carne per massimo 4 volte a settimana; magari in una di queste volte un bel petto di pollo con poco condimento sarebbe l’ideale per non sforzare troppo il nostro corpo.
In ogni caso, è buona abitudine variare la propria dieta con altri alimenti proteici quali pesce, le uova, i latticini e le proteine vegetali. Come suggerisce anche Piretti insomma, variare è alla base anche della dieta mediterranea, ovvero la dieta più seguita al Mondo.
Gestire quindi il menù settimanale sapendo quanta carne mangiare diventa molto più facile: per semplificare le cose di potrebbero alternare giorni di carne (magari iniziando con la rossa) a giorni di pesce o uova e verdure, così da arrivare alla domenica con all’attivo i consigliati 4 giorni di carne alla settimana.