Colazione a base di zenzero: fa bene o fa male? Ecco la risposta

Lo zenzero è una pianta erbacea da cui si ricava una delle spezie oggi largamente utilizzate. Lo zenzero da un Arona inconfondibile quando lo usiamo come condimento nella preparazione di diversi piatti della cucina orientale, ma anche Italiana ed europea. Ma lo zenzero può essere usato a colazione? E se lo si usa, fa bene o fa male? Ecco cosa dicono gli esperti.

Colazione a base di zenzero, come si fa?

Come si fa ad usare zenzero a colazione? Un utilizzo assai diffuso è quello di inserirlo in un bicchiere di acqua. Bere al mattino (ma a digiuno a prescindere dalla fase della giornata), un bicchiere di acqua e zenzero è uno dei modi migliori per aiutare il corpo a mantenersi in forma a livello generale. Uno stomaco a digiuno riesce ad assimilare meglio le sostanze di qualcosa che ingeriamo.

Ecco perché un bicchiere di acqua e zenzero a digiuno, permette allo stomaco di assimilare meglio le benefiche proprietà di questa pianta, preparando il corpo ad assimilare meglio anche le altre cose che si mangeranno durante la giornata. Ecco spiegata l’importanza dello zenzero, soprattutto a colazione.

Anche una tisana allo zenzero va bene

Oltre che nell’acqua, lo zenzero può essere assunto come infuso. In commercio necessitino una infinità di tisane allo zenzero. Berla al mattino è consigliabile allo stesso modo del bicchiere di acqua e zenzero. Le funzioni della radice di questa benefica pianta, oltre che importante per metabolismo e digestione è particolarmente indicata anche contro i problemi della pelle e l’invecchiamento.

Importante il suo effetto sui radicali liberi. Infine, se ad acqua e zenzero, sia naturale che sotto forma di tisana, aggiungiamo succo di limone, la miscela è ottimale anche come prevenzione e cura dei più comuni sintomi influenzali.