Dieta del gruppo sanguigno: fa bene? Ecco in cosa consiste…

La dieta del gruppo sanguigni, conosciuta anche come emodieta, è una dieta basata sui vari gruppi sanguigni, 0/A/A/AB sia Rh positivo che negativo.
Secondo la teoria della dieta del gruppo sanguigno esistono degli alimenti specifici da mangiare ed alcuni nocivi per i vari gruppi. Gli elementi considerati nocivi sono da evitare o quanto meno da ridurre, perché possono arrecare danni all’organismo. Inoltre si crede che seguendo questa dieta possa guarire da talune malattie che poco c’entrano con l’alimentazione.
L’idea che vige alla base di questa dieta sta nel fatto che esisterebbe una stretta correlazione tra gruppo sanguigno, cibo e sistema immunitario.
Secondo alcuni studi parrebbe che la dieta del gruppo sanguigno avrebbe degli effetti benefici sull’organismo, mentre secondo altri sarebbe nociva. La ricerca ha dimostrato che non esiste alcun collegamento tra i diversi regimi alimentari, che possono essere di per sè sani ed i gruppi sanguigni cui appartengono le stesse persone.

DAL NOSTRO NETWORK:

  • Perchè la frutta fa male dopo i pasti? La risposta della medicina
  • Il formaggio crea dipendenza, verità o falso mito? Ecco la risposta
  • A chi fanno male le fave? Queste le persone a rischio


Gli alimenti vanno distinti in tre categorie:
– alimenti benefici: ossia alimenti che fanno bene all’organismo
– alimenti neutri: ossia cibi che servono a mantenere il peso ideale e il giusto apporto calorico
– cibi da evitare: ovvero cibi che non fanno bene alle persone perché cattivi per quel determinato gruppo sanguigno.
I vantaggi che può comportare la dieta del gruppo sanguigno comporterebbe un miglioramento del sistema immunitario, accelererebbe il metabolismo, un dimagrimento.