Quale formaggio non contiene lattosio? Ecco la classifica

L’intolleranza al lattosio è una delle più diffuse in assoluto. Avente come sintomi problematiche quali i dolori addominali e il gonfiore, può essere diagnosticata attraverso il breath test. Quando la si nomina, è necessario ricordare l’importanza di fare attenzione a quello che si mangia.

Tra gli alimenti che si raccomanda di consumare con moderazione ci sono i formaggi. Attenzione: abbiamo utilizzato l’espressione “consumare con moderazione” e non “eliminare” non certo a caso, in quanto esistono diversi formaggi senza lattosio o, per meglio dire, con un contenuto molto basso.

Quale formaggio non contiene lattosio? Scopriamolo assieme nelle prossime righe di questo articolo.

Formaggi senza lattosio: ecco cosa sapere

Come già detto, parlare di “formaggi senza lattosio” è improprio. Anche gli intolleranti, infatti, riescono a gestire senza problemi una determinata quantità di questo disaccaride. Si parla di una quantità corrispondente a 12 grammi al giorno in media (la quantità precisa può variare di individuo in individuo).

La cosa migliore da fare per trovare la quadra consiste nel chiedere consiglio al proprio medico e nel farsi consigliare una dieta mirata. Detto questo, vediamo alcuni tra i più famosi formaggi senza lattosio.

Parmigiano reggiano

Formaggio simbolo dell’eccellenza italiana nel mondo, il parmigiano reggiano può essere mangiato anche dagli intolleranti al lattosio. Questo val soprattutto nei casi in cui si ha una stagionatura della durata superiore ai 30 mesi.

Grana padano

Anche il grana padano, soprattutto se si parla di quello stagioanto per più di 36 mesi, rappresenta un formaggio con un bassissimo contenuto di lattosio.

Pecorino stagionato

Gli intolleranti al lattosio, che non sono in grado di scindere il lattosio in glucosio e galattosio per via dell’assenza di enzima lattasi, possono includere nella propria dieta pure il pecorino stagionato. Questo vale soprattutto nei casi in cui la stagionatura supera i 30/40 mesi.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a elencare i formaggi senza lattosio. Tra questi troviamo l’asiago, la robiola, la provola – soprattutto se stagionata – e il caciocavallo. Ne contengono quantità contenute e possono essere consumati con moderazione da chi soffre della sopra citata intolleranza il caprino, la feta e il taleggio. Per quanto riguarda quest’ultimo, le informazioni non sono chiarissime, motivo per cui è il caso di chiedere informazioni al proprio medico.

Un doveroso cenno deve essere poi dedicato allo yogurt greco, altro prodotto caseario che, oltre ad essere caratterizzato da una bassa quantità di lattosio, è anche utile ai fini del mantenimento di peso.