Vuoi perdere peso prima di Natale? Segui questi consigli

Consigli per arrivare in forma al 25 dicembre.

Il Natale è dietro l’angolo. Anche se si tratterà oggettivamente di feste diverse rispetto a quelle dell’anno scorso, non mancheranno certo le occasioni per mangiare bene e, parliamoci chiaro, per mettere a rischio la forma fisica. Per fortuna che, come avrai modo di vedere nelle prossime righe, esistono dritte per ovviare al problema e riuscire anche a perdere peso prima che arrivi il giorno più bello dell’anno.

Consigli per arrivare al Natale al massimo della forma

Sono molto semplici i consigli per arrivare al massimo della forma al giorno di Natale. Tra i principali, rientra il fatto di non trascurare l’attività fisica. Anche solo 30 minuti al giorno di camminata veloce possono aiutare.

Un altro aspetto molto importante da considerare riguarda gli obiettivi, che devono essere scritti chiaramente. A tal proposito, è bene ricordare che più sono raggiungibili meglio è. Progettare di perdere 10 kg da qui a Natale è illusorio e, per via della frustrazione, può portare ad abbandonare i propri buoni propositi. Anche solo 2 se c’è la necessità vanno benissimo. Si tratta di un obiettivo molto più accessibile e, di riflesso, con un rischio minore di abbandonare il tutto.

Detto questo, non resta che capire cosa mangiare. Premettendo il fatto che i consigli specifici variano da persona a persona, facciamo presente che esistono alcune dritte che possono valere a livello generale. Tra queste, è possibile citare il fatto di abbandonare per un po’ – o di alternare – la colazione zuccherata con quella proteica. Per quanto riguarda la seconda, si può fare riferimento ai pancake proteici, ossia preparati senza l’utilizzo dello zucchero e se possibile con il bicarbonato al posto della farina – ma anche allo yogurt greco, ricco di proteine nobili e ideale per chi fa sport.

Molto importante è anche sostituire i cibi preparati con farine raffinate con prodotti a base di farine integrali, maggiormente ricche di fibre e anche di nutrienti come le vitamine. Attenzione: quando si parla di questi prodotti, come per esempio la pasta integrale, non si consiglia certo di mangiarli senza considerare le quantità. L’apporto calorico non è molto diverso rispetto a quello della pasta preparata con farine raffinate. Di certo, come già detto, è più alto l’apporto di fibre, il che rappresenta un vantaggio per quanto riguarda il miglioramento dell’efficienza intestinale.

Molto importante è anche abbinare a pasta, pane e riso integrale delle verdure, che abbassano ulteriormente il carico glicemico.