Pescara a rischio retrocessione: ce la farà a salvarsi?

Anche quest’anno il Pescara rischia grosso in serie B. Infatti dopo poco più della metà del girone di andata la classifica è decisamente deficitaria e già da ora sembra che servirà un miracolo per centrare anche quest’anno la salvezza.

Dopo i problemi e la salvezza in extremis dell’anno scorso sembra che nulla sia cambiato, anzi la situazione sia anche peggiore. Oddo, ingaggiato ad inizio stagione, è stato esonerato dopo appena nove partite; la società ha incaricato Roberto Breda come nuovo allenatore, sperando di cambiare la rotta della stagione.

I primi risultati si sono visti ieri sera quando nell’anticipo della decima giornata di cadetteria, i biancazzurri hanno espugnato il Cino e Lillo Del Duca di Ascoli Piceno, con un risultato netto di 2-0 con gol di Galano e Ceter.

La salvezza dello scorso campionato

Già l’anno scorso gli abruzzesi si sono salvati dalla retrocessione in serie C con molta fortuna, solamente ai calci di rigore, dopo un play out lottatissimo contro il Perugia.

Le due squadre avevano entrambe terminato il campionato di serie B al quartultimo posto a pari punti, con la squadra umbra avanti solamente per gli scontri diretti in campionato.

Anche i play out videro una sostanziale equità di valore, con le squadre vittoriose entrambe in casa per 2-1, il che ha portato a giocarsi la salvezza solamente ai calci di rigori, dove i pescaresi uscirono vittoriosi per il pelo dell’uovo.

Inizio Stagione 20/21 faticoso

I rischi corsi l’anno scorso sembra che non siano serviti da lezione al Pescara, visto che quest’anno la situazione in campionato sta andando molto peggio.

Infatti nelle prime 10 partite il bilancio è decisamente molto negativo: fino a ieri gli abruzzeri avevano collezionato solamente una vittoria ed un pareggio all’attivo, contro rispettivamente Cittadella e Chievo, entrambi risultati arrivati in caso allo stadio Adriatico.

Finalmente ieri un risultato fuori casa, una vittoria in un match salvezza contro l’Ascoli, che ha decretato l’abbandono dell’ultima posizione da parte degli abruzzesi, oltre al sorpasso proprio sui marchigiani (anche se gli ascolani hanno comunque una partita in meno).

Ce la farà a salvarsi?

Andando di questo passo ce la farà la formazione del neoarrivato Breda a salvarsi? Ormai anche tutte le agenzie di scommesse online sembrano dare per scontata la retrocessione dei biancazzurri.

D’altronde queste prime partite di campionato hanno mostrato un filone che sta proseguendo costantemente, anche se con il cambio di allenatore la società spera di invertire la rotta e di poter almeno sperare di giocarsi anche quest’anno la salvezza in un play out.

Un primo segnale è già arrivato proprio con la vittoria di ieri sera, ma quando gli avversari da affrontare saranno più competitivi, sarà molto più difficile fare risultato sia in casa che in trasferta.

Serve un miracolo

Dunque serve davvero un miracolo per raggiungere la salvezza. Il cambio di allenatore può sicuramente dare una scossa ai calciatori, ma se si vuole cambiare davvero marcia serve fare qualcosa nel mercato invernale di riparazione.

La finestra si aprirà il prossimo 4 gennaio, per poi chiudersi il primo giorno di febbraio. C’è da fare davvero qualcosa di serio ed importante per girare il verso di una stagione che ormai ha preso una brutta piega e che sembra stia, purtroppo, portando una una conclusione già scritta.

Fonte immagine – Ascoli Calcio 1898 FC SpA