Cosa succede a chi mangia carciofi con il colesterolo? Ecco la risposta

Uno dei molti alimenti importanti della nostra cucina italiana è, senz’altro il carciofo. Ricco di nutrimenti indispensabili per il nostro ragniamo riesce a contrastare il colesterolo cattivo. IN questo articolo cercheremo di approfondire il discorso e scoprire come cucinarlo meglio per ottenere più sostanze nutritive.

Il carciofo è un ottimo anti ossidante che contiene acido gallico, canarina e quercetina. Tutti queste sostanze, son moto importanti, perchè non solo abbassano il colesterolo ma aiutano a proteggere il cuore e il rischio di malattie cardiovascolari e diabete.

Per coloro che amano i carciofi, questo un ottimo alimento che aiuta a proteggere bene il nostro corpo, il cuore del carciofo di solito è la parte preferita ma, oggi vi diciamo che le paglie del carciofo, invece sono le parti più importanti che contengono più sostanze nutritive. Negli ultimi anni, infatti, i carciofi si sono aggiudicati uno dei primi antiossidanti per eccellenza.

Ma adesso vediamo come il carciofo possa aiutare il nostro corpo in maniera molto naturale. Fin dai tempi antichi, si cercava sempre più rimedi naturali per contrastare svariate patologie, questo è uno di quelli. Dei ricercatori, infatti, hanno scoperto che il carciofo ha un effetto ipocolesterolemizzante. Il consumo di carciofi per 12 settimane, hanno dimostrato che può diminuire i livelli di colesterolo.

Ma perchè i carciofi riescono a ridurre il colesterolo? Grazie a questi ricercatori, si è dimostrato che le foglie del carciofo bloccano i livelli di colesterolo del nostro sangue e la sua produzione. Tutto questo grazie alle sostanze nutritive che contiene come, canarina, luteolina, e molti altri ancora. Ma sapete, che il carciofo è solo uno degli alimenti per sconfiggere il colesterolo, perchè c’è ne sono molti altri ancora.

Un’altra funzione molto importante del carciofo è quella di assorbire il colesterolo e i grassi in eccesso del nostro corpo, questo processo è molto importante per chi dovesse soffrire di malattie cardiovascolari o anche diabete.