Mangiare tonno in scatola ogni giorno: ecco cosa accade al nostro corpo.

Il tonno in scatola, presente in tutte le case, è sicuramente un alimento facile da riporre all’interno dei mobili, è economico e utilizzabile per creare diversi piatti sfiziosi quali insalate, panini, pasta e pizza. Ma possiamo mangiarlo tutti i giorni? La risposta è no, perché, nonostante abbia diversi benefici, la troppa assunzione di tale alimento potrebbe causare avvelenamento da mercurio; parliamo di un animale carnivoro che si nutre pertanto di pesci che a loro volta hanno ingerito mercurio.

Il beneficio principale del tonno in scatola è far sentire il nostro corpo sazio per più tempo, consumando dunque meno calorie; degli studi dimostrano che una semplice lattina di tonno può soddisfare tutte le esigenze necessarie quotidiane.
Con un panino al tonno a pranzo si rafforza la funziona del cervello e degli occhi e questo avviene grazie agli acidi grassi di omega-3, noti proprio per le proprietà riguardanti il miglioramento della memoria.
Inoltre se si ha bisogno di ridurre un’ infiammazione, rimuovere quell’odiosa sensazione secca agli occhi o preservare la salute del cuore, tenere sotto controllo la pressione sanguigna e i trigliceridi, gli acidi grassi omega-3 sono un toccasana!
Ripetiamo nuovamente però che l’eccessivo consumo del prodotto non è affatto consigliabile soprattutto per le donne in gravidanza che potrebbero causare gravi disturbi del sistema nervoso dei loro bimbi.
E invece, una persona con problemi di alto colesterolo, può mangiare il tonno in scatola? Certamente, ma siccome deve seguire un ipolipidico regime dietetico, gli si raccomanda di consumare quello scatolato al naturale.
Vi lascio con una piccola chicca che potrebbe risultarvi utile: i nutrizionisti consigliano di preferire alla scatoletta in latta, quella in vetro in quanto, essendo trasparente, permette di notare la condizione del tonno al suo interno che per essere buono deve assumere un tipico rosato. Colori come il verde, il grigio o anche un rosa stesso che però dà sul giallo, indicano un tonno ben lontano dal fresco che può contenere additivi o addirittura coloranti.