Mangiare aglio con la pressione alta: cosa succede al nostro corpo?

Antibatterico, detossificante e amico delle ossa, di cosa sto parlando? Del nostro amico aglio!
L’aglio è una pianta originaria dell’Asia centrale, che possiamo considerarlo parente dell’erba cipollina, della cipolla e del porro; pianta utilizzata da sempre per il suo sapore particolare ma soprattutto per i molti benefici che dà al nostro organismo.

Le proprietà dell’aglio sono sfruttate per migliorare il sistema circolatorio e cardiaco evitando il rischio d’infarto e per prevenire malattie e varie forme tumorali.
Sapete che si può trovare in commercio anche in compresse?
Sono molte, inoltre, le varietà di aglio esistenti, vediamo però quali sono le più diffuse.
Aglio bianco: assolutamente il più comune tra i tanti, dal suo sapore deciso e inconfondibile.
Aglio rosa: dal sapore delicato, utilizzato maggiormente a crudo.

Aglio rosso: intenso sapore, quasi piccante particolarmente intenso che tende al piccante.
Aglio nero: di origine orientale, si ottiene dalla fermentazione ossidazione dei bulbi dell’aglio bianco. Delicato sapore e ottima digeribilità.
L’aglio è caratterizzato da tante proprietà ma pochissime calorie e risulta essere, per tale ragione, una buona fonte di minerali come selenio, potassio, calcio, fosforo e vitamina C.
Ma andiamo a vedere quali sono i benefici che riguardano il nostro corpo.

L’aglio, innanzitutto, fa bene al sistema immunitario, riduce la pressione sanguigna e di conseguenza aiuta ad abbassare il colesterolo.
Diversi studi hanno dimostrano proprio l’effetto positivo dell’aglio sulla pressione sanguigna, suggerendo come quantità giornaliera quattro spicchi per un periodo di tre mesi, il risultato sarà la pressione sanguigna ridotta di 10 punti circa.In questo caso è però consigliato optare per integratori di aglio studiati proprio per risolvere questo problema.

Vi suggerisco qualche modo di mangiare l’aglio.
La prima opzione è l’aglio crudo o essiccato, schiacciato e masticato per bene; poi abbiamo l’aglio cotto dal sapore eccezionale e infine il succo d’aglio o olio è pensato per coloro che non riescono a gestirne la pungenza e potrebbero vomitarlo solo sentendone il forte odore.