Nessuno lo sapeva ma ecco cosa succede se mangi miele e caffè

Miele: nel caffè, perché no? Il caffè ha molte proprietà benefiche ma contiene un alto quantitativo di caffeina, sostanza che se assunta in eccesso porta ad un livello di eccitazione.
Il caffè favorisce la diuresi e rallenta e contrasta l’assorbimento dei grassi. Gli effetti benefici del caffè si riducono, però, di molto in combinazione con il saccarosio che viene utilizzato per dolcificare. Sarebbe meglio consumare caffè amaro o quanto meno utilizzare dei dolcificanti meno invasivi.

C’è addirittura chi per ampliare le note più dolci del caffè, usa il miele.
I puristi del caffè non saranno d’accordo, perché regola vuole che la tazzina si beva liscia, senza l’aggiunta di nessun tipo di edulcorante (meno che mai lo zucchero).
C’è da dire che il miele altera il gusto del caffè ma si può optare per un miele meno aromatico.

Il miele si ottiene dalla trasformazione delle secrezioni dei fiori, ovvero il nettare e delle secrezioni della melata prodotta delle api. Il miele viene estratto con un processo di centrifugazione, e viene poi lasciato decantare in contenitori appositi, prima di essere immesso in vasetti per la vendita.
nettare e delle secrezioni di alcuni insetti, la melata, ad opera delle api.

Sono questi gli unici processi che permettono di mantenere integre le caratteristiche del miele. Si parla di un prodotto naturale che dovrebbe essere consumato con molta più frequenza. E’ un alimento abbastanza energetico composto da soli zuccheri semplici, in particolar modo fruttosio e glucosio, è facilmente digeribile e contiene enzimi, vitamine, oligominerali e sostanze che favoriscono i processi di accrescimento.

Ha diversi benefici fra cui azioni decongestionanti, calmanti della tosse, aumento di potenza fisica e di resistenza, aiutante per il cuore.
Per beneficare di questi effetti positivi, si consiglia di consumarne 20-30 grammi al giorno in sostituzione dello zucchero.

Infine, concludiamo dicendo che anche essendo due prodotti molti naturali è sempre meglio non esagerare con grossi consumi, potendo danneggiare la nostra salute.