Tre cucchiai di olio al giorno: ecco perché dovresti iniziare subito a farlo

L’olio d’oliva risale al 4000 a.C. e a partire dal 1400 d.C., è conosciuto come uno dei prodotti italiani per eccellenza ed è diventando nel tempo, fino ad oggi, una solida base indiscussa della dieta mediterranea. L’olio d’oliva è un alimento particolarmente versatile ed utilizzabile sia a crudo che in cottura, dagli antipasti più sfiziosi ai dolci più golosi e sempre con un risultato assolutamente positivo.

Non stiamo quindi parlando di un semplice condimento ma di un ingrediente ricco di gusto che va influisce parecchio sulla percezione degli alimenti a cui viene accompagnato.
Esistono distinzioni di oli di oliva: oli fruttati leggeri che vanno dal fruttato medio al fruttato intenso; oli più morbidi e dolci o saporiti e leggermente pungenti. Ci sono anche delle varietà di oli colorati: la sfumatura dell’olio d’oliva può andare dal classico verde ad un giallino a secondo della maturità della produzione.

L’olio verde è il più giovane mentre quello che tende verso il giallo è già maturo e ricco di caroteni ovvero pigmenti che svolgono un’azione antiossidante. L’olio d’oliva assorbe con molta facilità gli odori e viene alterato dalla luce e dal calore; per questo si consiglia fortemente di conservarlo lontano dai detersivi della cucina o locali aperti al fumo e con una temperatura che si aggira intorno ai 15°C dentro in un recipiente scuro che lo ripari anche dalla luce diretta.

Quando parliamo di olio d’oliva spesso si fa riferimento alla definizione “extravergine”, conosciuto sin dai tempi antichi, come il grasso più adatto alla nostra alimentazione in quanto l’unico prodotto spremendo semplicemente le olive senza interventi industriali o aggiunte di tipo chimico. L’uso dell’olio extravergine di oliva è molto consigliato anche per lo svezzamento dei neonati.

L’olio ha moltissime proprietà benefiche per la nostra salute: ricco di acidi grassi monoinsaturi che si occupano di prevenire la comparsa di disturbi cardiovascolari e povero di acidi grassi che sono responsabili dell’occlusione delle arterie.
Un consumo costante di olio non solo riduce il rischio di infarti, trombosi ed ictus ma contribuisce a mantenere sano il nostro cuore e la salute delle ossa preservando anche la memoria e proteggendo il cervello dall‘Alzheimer.

L’olio è anche una fonte naturale di Vitamina E che protegge i grassi ossidabili dalla formazione dei radicali liberi.
Viste le molteplici proprietà nutritive è superfluo dire che si può consumare con regolarità senza problemi, infatti gli esperti consigliano proprio di mangiarne almeno tre cucchiai al giorno.