Come fermare l’infiammazione intestinale: ecco il trucco della nonna

Infiammazione intestinale? Sicuramente non sei l’unico. Infatti, i disturbi gastrointerinali sono molto diffusi. Nella maggior parte dei casi, complici sono sicuramente uno stile di vita abbastanza frenetico, stress e alimentazione scorretta. Possiamo dire che questo problema affligge circa un terzo della popolazione mondiale. La salute è sicuramente molto importante e deve essere salvaguardata. Quali sono i rimedi più comuni contro questo problema? Lo sbaglio che le persone fanno è quello dell’abuso di medicine con effetto antiinfiammatorio che se all’inizio possono risultare efficaci, alla lunga perdono la loro efficacia. Quale modo migliore se non i rimedi della nonna?

Le cause più comuni dell’infiammazione intestinale

Prima di addentrarci nei rimedi della nonna, è bene chiarie quali possono essere le cause dell’infiammazione intestinale. Come abbiamo già accennato, le cause più comuni sono sicuramente uno stile di vita troppo frenetico o un’alimentazione scorretta. Anche lo stress gioca un ruolo molto importante, dato che il nostro organismo è una macchina perfetta che, a eventuali situazioni stressanti, può reagire attraverso alcune disfunzioni.

L’infiammazione è la reazione dell’organismo a stimoli dannosi. Quando il corpo è di fronte ad un pericolo vengono rilasciate nel flusso sanguigno sostanze messaggere, che hanno lo scopo di attirare le cellule immunitarie. Nel caso dell’intestino, la parte che sarà soggetta a infiammazione sarà sicuramente la mucosa , che altro non è che lo strato che si trova nella parte intestinale e che lo riveste. Ecco nello specifico i motivi principali che possono causare l’infiammazione dell’intestino:

  • alterazioni della flora intestinale;
  • stress e ansia; 
  • presenza di agenti patogeni, ovvero virus intestinali;
  • malattie autoimmuni

I sintomi dell’infiammazione

I sintomi principali relazionati con l’infiammazione dell’intestino sono molteplici. Molte volte si tende a non riconoscerli o a prenderli un po’ sotto gamba. In realtà, non bisogna mai trascurare la salute e bisogna cercare di dare maggiore attenzione alle problematiche che il nostro organismo manifesta anche in momenti particolari della nostra vita quotidiana, situazioni stressanti che portano il nostro organismo a manifestare un certo tipo di problematiche fisiologiche che in un certo senso possono causarci dei problemi nel nostro quotifdiano. Come ben sappiamo, il corpo umano è una macchina complessa e se non funziona anche un piccolo meccanismo, può davvero generare dei problemi che se trascurati possono, alla lunga causare dei problemi molto gravi.

I sintomi più comuni associati all’infiammazione intestinale sono:

  • gonfiore addominale
  • costipazione
  • meteorismo
  • dolore addominale
  • pancia eccessivamente gonfia
  • muco nelle feci
  • feci maleodoranti

Nel momento in cui il nostro copro inizia a manifestare questi sintomi, è bene consultare il medico e cercare di modificare la nostra alimentazione. Quest’ultimo sarà sicuramente uno dei principlai consigli che il tuo medico di base ti dispenserà. L’ideale sarebbe   una dieta sana ricca di frutta, verdura, cereali integrali, legumi, frutta secca, carne bianca, pesce, olio extra vergine d’oliva, uova, spezie, erbe aromatiche, tisane, acqua ed estratti di frutta e verdura.

Rimedi della nonna contro l’infiammazione intestinale

Se non vogliamo necessariamente affidarci alle medicine o consultare il medico possiamo affidarci ai rimedi della nonna. Ciò non significa che in caso di persistenza dei sintomi non dobbiamo affidarci a un professionista o comunque un medico che possa darci delle cure specifiche anche a seconda del tuo quadro clinico generale. Oltre a modificare l’alimentazione mangiando più frutta e verdura, uno dei rimedi della nonna più famosi è quello de massaggio addominale. Tale massaggio deve essere praticato ogni giorno per almeno 15 minuti. Magari si può iniziare affondando dolcemente le dita nell’addome, cercando di sentire le zone più doloranti e dure.Una volta trovate, insistere su queste zone per ridurre il dolore e la loro durezza.

Si consiglia di praticare il massaggio con un buon olio antinfiammatorio, come l’olio di arnica e artiglio del diavolo.