gastrite: ecco gli alimenti che non devi assolutamente mangiare

La gastrite è un processo infiammatorio acuto o cronico che colpisce la parete gastrica.
Distinguiamo due principali forme di gastrite: quella acuta e quella cronica:
La gastrite acuta è una violenta infiammazione della mucosa gastrica che si risolve in un lasso di tempo breve invece la gastrite cronica presenta dei sintomi più leggeri che si protraggono, però, per periodi più lunghi.

Sia la forma acuta che la variante cronica, si possono differenziare in altre sottocategorie.
La gastrite acuta, dovuta in genere ad un’indigestione oppure ad un’alimentazione scorretta, è caratterizzata da cibi piccanti e irritanti per la mucosa gastrica. Questa condizione è spesso riconducibile ad infezioni sostenute da Helicobacter pylori anche se molti altri fattori possono favorire la variante cronica della gastrite come AIDS, disturbi psicosomatici, insufficienza renale ed epatica e malattie autoimmuni.

Tutte le varianti di gastrite sono accomunate dal bruciore di stomaco ma oltre a questo sintomo si manifesta con dispepsia, inappetenza, diarrea, crampi addominali, alitosi e vomito.
In caso di gastrite, la mucosa dello stomaco è in uno stato irritato o infiammato perciò è fondamentale evitare alcuni alimenti; sono indicazioni dietetiche valide sia per le forme sporadiche di gastrite, sia per le forme più croniche.

Nel primo caso è possibile una completa remissione dei sintomi, invece nel secondo c’è il bisogno di terapie farmacologiche come quelle a base di antibiotici.
Una regola generale è di non fare pasti eccessivi e suddividerli durante la giornata aiutando dunque a mantenere l’acidità gastrica dentro i giusti limiti.

Tuttavia è indispensabile evitare:
-tutti quegli alimenti che contengono grassi e che potrebbero aumentare la secrezione di acido come carni rosse, pesci e formaggi grassi in particolar modo quelli fermentati quali gorgonzola e pecorino;
-tutti i condimenti speziati contenenti pepe bianco e nero, aglio o peperoncino;
-bisogna fare particolare attenzione alla frutta acidula come i limoni, i mandarini e la frutta secca in quanto ricca di grassi e proteine;

-limitare il consumo di alimenti raffinati ad esempio pasta e pane bianco;
-eliminare i cibi che producono gas nello stomaco come broccoli, cipolle, latte, fagioli secchi e piselli;
-bevande gassate o zuccherate;
-cibo crudo o poco cotto e insaccati.