Attenzione alle piastrine basse: ecco cosa potrebbe accadere

La salute del nostro organismo “passa” indubbiamente anche per quella della corretta circolazione sanguigna in quanto questo processo è assolutamente indispensabile. In questo ambito le piastrine, chiamate trombociti (sono considerate anche un prodotto della frammentazione dei megacariociti) risultano essere fondamentali per processi come la coagulazione del sangue in caso di ferite, e per “presenza”, si tratta di una delle cellule più diffuse ed importanti per il nostro sistema circolatorio.

La funzione e l’importanza per l’organismo

Le piastrine, che hanno una forma paragonabile a quella di un disco, hanno nello specifico le funzioni di rilascio di sostanze chimiche per stimolare altre piastrine ad aggregarsi in caso di ferita e di unirsi. Ecco perchè risulta così importante per un qualsiasi organismo umano verificare il conteggio delle piastrine a intervalli regolari. Un essere umano adulto in buona salute ha tendenzialmente una conta piastrinica tra le 150 mila e le 400 mila, ed è essenziale che queste vengano “rimpiazzate” da altre a intervalli di tempo  di circa 7-10 giorni. Cosa succede se le piastrine sono “basse”?

Attenzione alle piastrine basse: ecco cosa potrebbe accadere

Problemi di carica piastrinica bassa sono ovviamente correlati ad una anomalia. Il “fenomeno” delle piastrine basse è chiamato tecnicamente trombocitopenia e può causare diversi problemi, come una maggior tendenza alle emorragie, nonchè una facilità maggiore di contrarre malattie autoimmuni. Inoltre una carica di ridotta può essere sintomo di vari disturbi anche gravi come cirrosi, mononucleosi, HIV, sepsi e altre patologie genetiche che possono influenzare questo valore. Tendenzialmente le piastrine basse sono determinate sia da un fattore  genetico ma anche da uno stile di vita sregolato, ad esempio contraddistinto dall’uso di alcol, o anche a seguito di terapie di farmaci sbagliate, o ancora dopo l’esposizione ad agenti chimici tossici.

Inoltre circa il 5 % delle donne in gravidanza manifesta una sorta di trombocitopenia, che generalmente viene “risolta” a poche settimane dalla gravidanza.

Se il valore delle piastrine scende sotto le 50 mila unità l’organismo ha delle evidenti difficoltà di coagulazione, al di sotto di questi valori può subentrare il decesso per emorragia spontanea.

piastrine basse