Quale zucca è migliore per l’organismo: la classifica completa

Per zucca si intende il frutto delle piante appartenenti al genere botanico Curcubita (Famiglia Curcubitaceae).
Le zucche non sono autoctone, sono scoperte grazie alla colonizzazione del Nuovo Mondo nel XVI secolo, importate dal continente americano dapprima come flora ornamentale e qui, solo in un secondo momento, coltivate a scopo culinario.

La zucca è composta al 90% da acqua. Tale percentuale elevata presenta molteplici benefici per il nostro organismo: se sommata all’alto contenuto di fibre, infatti, favorisce il corretto funzionamento del transito intestinale, riequilibrando la flora e alleviando parte dei fastidi che derivano da colite o emorroidi. Le fibre poi hanno prolungano il senso di sazietà, con benefici per la linea. Inoltre, l’acqua e il potassio presenti nella zucca hanno grandi proprietà diuretiche e contrastano la ritenzione dei liquidi.

Gli impieghi della zucca si estendono anche nella sfera cosmetica: con la sua polpa si possono preparare alcune semplici maschere per il viso, utilissime per idratare la cute, levigare la pelle e pulirla fino in fondo. Inoltre, le maschere a base di zucca sono ottime per lenire le scottature.

La polpa di zucca è ipocalorica e molto digeribile, risulta infatti ideale nell’alimentazione dei bambini e delle persone anziane. È particolarmente indicata nella prevenzione delle malattie degenerative per il ruolo che svolge contro i radicali liberi e e vitamine in essa contenute agiscono come protettori della salute.
Quanti tipi di zucca esistono?

Vediamo una classifica delle migliori.
-La zucca Mantovana;
-La zucca lunga di Napoli;
-La zucca batternut violina;
-La zucca di Castellazzo Bormida;
-La zucca Spaghetti;
-La zucca Hokkaido;
-La zucca Mini Kawaii Lady;
-La zucca Delica;
-La zucca Iron Cup;
-La zucca Turbante;
-La zucca Moscata.

Accanto alla prima in lista, la Mantovana, la zucca di Napoli è la più famosa in Italia. Chiamata anche cucozza zuccarina, ha forma allungata, un colore esterno verde scuro e una polpa di un colore arancione vivissimo.
La sua polpa compatta e senza semi lungo quasi tutto il frutto, fanno si che essa sia conosciuta anche come zucca piena.