Il pomodoro in lattina è fresco o uno scarto? La risposta è agghiacciante

I pomodori in scatola, sappiamo che sono molto veloci e pratici da utilizzare perché già pronti , basta solo versarli in padella e il gioco è fatto.
I pomodori , le passate e le polpe sono prodotti conservati e sterilizzati che si possono mantenere anche per più di tre anni , infatti molti prodotti in lattina oltre i pomodori hanno una data di scadenza lunga.

Per valutare la freschezza dei pomodori bisogna controllare un codice riportato sull’imballaggio delle lattine, la scritta è composta da lettere seguita da numeri. Le lettere stanno ad indicare l’anno mentre la sequenza numerica il giorno in cui i pomodori sono stati messi in lattina.

Molti sono scettici nell’utilizzo dei pomodori in scatola perché e possibile riscontrare la presenza di bisfenolo una sostanza chimica usata per realizzare materiali in plastica e resine.
Questa sostanza si trova spesso nei contenitori come le lattine e nel rivestimento di barattoli per conservare i nostri alimenti . Diversi studi hanno dimostrato che questa sostanza sarebbe molto dannosa al nostro organismo e potrebbe essere la causa di disturbi neurologici , cancro e diabete.

Inoltre molti esperti hanno rivelato che consumare i pomodori in scatola e altri cibi , fanno male ad una donna in gravidanza , la sostanza contenuta ovvero il bisfenolo può influire sul sistema neurologico del bambino e creare diversi disturbi nel futuro.
In generale tutti i cibi in scatola oltre il pomodoro non sono proprio una scelta salutare per la nostra alimentazione . Questo perché all’interno vengono aggiunti ingredienti come lo zucchero , il sale , e vari conservanti.

Un consiglio che possiamo dare a molte persone è quello di preparare le nostre conserve di pomodori con le nostri mani. I procedimenti sono molto semplici ; si inizia nel riempire una pentola abbastanza grande si mette sul fuoco e si porta a bollore , una volta raggiunto aggiungere i pomodori precedentemente lavati , dopo 3/4 minuti levare i pomodori e riporli in uno scolapasta.

Poi spelarli e metterli dentro i contenitori di vetro e con l’aiuto di una forchetta o cucchiaio schiacciarli in modo tale da non lasciare spazio, una volta fatto ciò chiudere i nostri barattoli ermeticamente in modo tale da non far fuoriuscire nulla. Sistemare tutti i contenitori in una pentola per 2 ore e portarli all’ebollizione . Una volta eseguiti tutti i procedimenti lasciarli in pentola a raffreddare e poi riporli in dispensa.