Bere il caffè freddo in estate non fa bene: ecco lo studio

Con la bella stagione, chi ama il caffè cambia le sue abitudini ed inizia a berlo freddo. Si tratta di una vecchia abitudine e le nostre nonne ne sanno qualcosa: d’estate, infatti, nel frigo una bella bottiglia di vetro piena di caffè freddo già zuccherato non manca mai!Se bere il caffè freddo d’estate fa bene è una domanda che qualche scettico continua ancora oggi a porsi. E allora vediamo di essere subito chiari. E’ ovvio che, come i consumi di qualsiasi altro prodotto, non bisogna assolutamente abusarne, perché si potrebbe in qualche modo provocare danni alla nostra salute. Dal vino, alla birra, ai latticini, ai salumi e così via; si deve gustare tutto ma nelle giuste dosi.

Sono diversi i benefici che il consumo equilibrato di caffè può portare, a prescindere dalla temperatura: vediamone qualcuno. Sicuramente c’è da dire che dopo i pasti estivi, causa la troppa calura, il caffè e soprattutto quello freddo, è un po’ più difficile digerire. Tuttavia comunque il caffè stimola la secrezione gastrica ovvero la capacità di digerire meglio. In generale il caffè inoltre, pare che aiuti parecchio a mantenere la concentrazione, la prontezza nei riflessi e l’attenzione giusta mentre si è al volante.

Nel caso sudaste più del solito, un caffè vi aiuterebbe a reintegrare tutti quei sali minerali dispersi con il sudore ma in quel caso è meglio non berlo freddo perché l’impatto con lo stomaco sarebbe troppo forte. Per non parlare del caso in cui, il caldo intenso estivo porta capogiri forse a causa dell’ ipotensione e qui il chicco aiuta certamente andando a stimolare il sistema cardiocircolatorio, ma non quello freddo.

Potremo continuare nell’elencarvi molti altri benefici del consumare caffè anche d’estate, ma sono benefici che si ripercuotono sempre, a prescindere dalla stagione corrente. Attenzione!! Per tutta una serie di motivi sono molti i soggetti che dovrebbero non assumere caffè, soprattutto quello freddo; nello specifico deve evitarlo chi soffre di:

•Ulcera pepticai

•Dispepsia

•Cardiopatia ischemica

•Gravidanza (consigliata l’assunzione di non più di due tazzine al giorno).