Prezzi sconvolgenti per un caffè: ecco cosa sta accadendo

Aaah il caffè!
La scusa perfetta per vedere gli amici, per prendersi una pausa da studio o lavoro, la giusta occasione per staccare un attimo e riprendere un po’ di energia oppure per allontanare quei colpi di sonno che ci colpiscono quando abbiamo dormito poco e male.

Sono moltissime le persone che lo bevono, sia classico che decaffeinato, sia freddo che caldo, amaro o zuccherato, semplice o accompagnato da un po’ di latte, della panna o un biscottino.
Ma qual è, secondo voi, il prezzo giusto per un caffè? Secondo alcune ricerche, pare che il costo adatto sarebbe di €1,50 ma ci sono posti in cui costa meno (anche se ormai sono rimasti veramente in pochi) e posti un cui un semplice caffè ha un prezzo esagerato, fuori dal normale.

La notizia è stata ribattuta parecchie volte: una nota caffetteria di Firenze ha subito una multa perché un cliente si è lamentato di un caffè decaffeinato al costo di €2.00. La multa è stata comminata perché il prezzo non risultava esposto sul menu fornito ai clienti e da quel momento il web è totalmente impazzito ed è partito un vero e proprio tam tam importante, incentrato sullo stato dell’arte del caffè in Italia.

Ma non è successo soltanto a Firenze, c’è di peggio.
Venezia torna, infatti, a far parlare di sé per uno scontrino molto salato dove il prezzo di un semplice caffè era di 6 euro. Questa notizia è balzata fuori dal post su Facebook del cliente (che ha pagato un conto salatissimo per due caffè e due bottigliette di acqua naturale) tanto da arrivare perfino in Inghilterra dove è stato fatto un articolo sulla “denuncia”.

Dalla pubblicazione della foto dello scontrino sul web, il telefono del bar in questione ha iniziato a squillare senza interruzione ricevendo moltissimi insulti e offese. Ma il problema è quasi sempre lo stesso: sul menu sono riportati i costi di ogni prodotto che viene venduto ma chi li ordina non presta attenzione a controllarli e se ne accorge soltanto nel momento del pagamento.