I fiori più resistenti al sole: ecco come coltivarli

Finalmente è arrivata l’estate, la bella stagione. Ecco quindi che saper scegliere delle piante che resistono al sole, al caldo e alla siccità è davvero importante. Naturalmente le piante grasse sono le più indicate e le più forti per i climi torridi, ma non dobbiamo limitarci a scegliere solamente questa tipologia di piante. Infatti anche tante specie a foglia verde e dai fiori colorati sono capaci di resistere efficacemente ai climi più ostili.

Piante estive

Certamente il clima estivo non è adatto a tutte le piante. Vi sveliamo quindi alcune piante per realizzare un balcone o un giardino resistente anche alle condizioni più difficili. Tra le specie di fiori più resistenti al caldo possiamo puntare sicuramente sulla Gazania. Essa è ideale ai climi più caldi e ai terreni più aridi. La Phlox si adatta a qualsiasi terreno oppure la Valeriana rubra  ci regala delle rigogliose fioriture durante l’estate. Anche le aromatiche sono piante adatte al caldo e al sole: ad esempio il Rosmarino risulta praticamente indistruttibile.

Piante resistenti al caldo

Se volessimo creare un aiuola o un vaso fiorito, variegato e resistente al caldo, potremmo puntare sull’Achillea, sulle margherite oppure sulle spighe rosse della Kniphofia. Una composizione davvero vivace e resistenti al caldo, adatte anche a terreni calcarei e argillosi. Un’altra specie molto in voga e particolarmente interessante negli ultimi anni è l’uso delle Graminacee. Essi richiedono poco acqua e hanno bisogno di poca manutenzione. Vi ricordiamo anche altre piante particolarmente resistenti al caldo e alla siccità come il Callistemon, l’Eringio , l’Iperico e l’Osteospermum.

Ma come aiutare le nostre piante a superare senza difficoltà questo caldo che ci sta affliggendo? In caso di balconi o giardini esposti al sole e a temperature elevate possiamo usare un piccolo trucco aiutando le nostre piante con la pacciamatura. Essa consiste nel coprire il terreno con: compost, foglie di scarto, l’erba di sfalcio oppure realizzata in materiali sintetici come il telo di plastica, il polipropilene, ecc. in questo modo il terreno rimarrà umido ancora per più tempo evitando la vaporizzazione dell’acqua.