Il cane ha mangiato una calza: ecco quello che il veterinario suggerisce

Può capire che il nostro cane inghiotta un calzino. I sintomi che ci faranno prendere conoscenza dell’accaduto sono: perdita di appetito, diarrea, ventre gonfio, ecc.., ma soprattutto vedremo che il nostro cane proverà a vomitare. Gli effetti che può causare dipendono dal materiale del calzino e dalla taglia del cane. poiché se si tratta di un cane di grossa taglia, sarà più facile e meno doloroso espellere il calzino. La prima cosa da fare è sicuramente portarlo dal veterinario.

Complicazioni per il cane

Appena arrivato quest’ultimo ti chiederà da quanto tempo è successo. Perché se sono trascorse meno di due ore potrebbe consigliarti di indurre il vomito. Attraverso la somministrazione di perossido di idrogeno, dosato un millilitro per ogni kg del cane. I primi rigurgiti si avranno dopo circa 15 minuti. Se invece trascorressero più di due ore potrebbero verificarsi complicazioni, come gonfiore e infiammazione a livello intestinale. L’opzione in questo caso è aspettare che passi da solo. Attenzione, questa metodologia è applicabile solo nei cani di grossa taglia. Nel frattempo, si può chiedere al veterinario di fare delle radiografie così da conoscere la posizione esatta del calzino nel sistema digestivo del cane. il tempo di espulsione può essere di minimo 48 ore fino ad un massimo di qualche giorno.

Se ci accorgiamo che il nostro piccolo amico manifesta sintomi come letargia, mancanza di appetito, o ancora malessere generale. Possiamo prima eseguire un’endoscopia, e laddove non sia possibile, l’alternativa più consigliata dai veterinari, è un intervento chirurgico. La rimozione chirurgica è un metodo usato soltanto quando non si hanno altre alternative. Poiché in seguito sarà necessaria una notevole attenzione nei confronti del nostro amico a quattro zampe, affinché si rimetta in fretta e torni a giocare spensierato.

Per cercare di prevenire il problema, oppure evitare che ricapiti, si consiglia di tenere fuori dalla portata del cane il cestino della biancheria. Inoltre, bisogna educarlo, e quindi rimproverarlo, ogni qualvolta ci accorgiamo che ci sta giocando. Infine, dobbiamo assicurarci che abbiano sempre dei giochi a disposizione, in questo modo non si annoieranno e non andranno a frugare tra i panni.