Tracce di pesticidi trovate all’interno delle lattine di pomodoro: è tutto vero?

E’ bene sapere che i pesticidi nei pomodori ci sono e bisogna sapere anche come difendersi dalla contaminazione. La questione dei pesticidi residui nella frutta e negli ortaggi che acquistiamo è molto sentita perché i pericoli di salute correlati esistono ma fortunatamente ci sono i modi per poterci difendere.

Per prima cosa, dobbiamo essere coscienti del fatto che anche se i pomodori sono un simbolo dell’alimentazione italiana, non sempre provengono dal nostro Paese. Ovvero, quelli che compriamo al supermercato, spesso arrivano da Paesi extra europei. Il problema è che questi paesi hanno regolamentazioni meno severe dell’Italia nei confronti dell’uso di pesticidi ma è chiaro che l’uso di sostanze chimiche è vasto ed utile per aumentare la produzione.

In Italia abbiamo delle regole molto rigide riguardo all’uso di prodotti chimici nelle coltivazioni come, invece, non avviene all’estero. Dobbiamo rassicurare, però, sul fatto che la quantità di pesticidi rimanente sui pomodori è quasi sempre nei limiti di legge. Inoltre, essendo ortaggi a buccia sottile, subiscono un effetto ancora più importante dalle sostanze chimiche ma il problema non è tanto la quantità residua su ogni pomodoro, quanto l’accumulo nel corso degli anni.

Precisiamo che quando mangiamo i pomodori, gli effetti dell’intossicazione, non sono immediati. A lungo andare, però, piccolissime tracce si accumulano nell’organismo rischiando di causare vari tipi di cancro, alterare il metabolismo ormonale, aumentare il rischio obesità e attaccare la capacità di riproduzione.

Come eliminare le tracce di sostanze chimiche nei pomodori?
Per salvaguardare la nostra salute, potremmo ricorrere all’autoproduzione, coltivando i pomodori sul nostro balcone ma se non abbiamo tempo da dedicargli, possiamo scegliere di acquistare i prodotti Biologici, che sicuramente sono più controllati e sicuri.

In alternativa è comunque possibile adottare alcune semplici abitudini di pulizia: una volta acquistati al supermercato, dobbiamo lavarli accuratamente con acqua e bicarbonato, lasciarli riposare per almeno 15-20 minuti, e strofinare leggermente la buccia, per aiutare il bicarbonato a fare il suo effetto. Trascorso questo tempo li risciacquiamo con acqua corrente e possiamo scegliere se togliere la buccia per mangiare i pomodori in insalata, così come si fa generalmente per preparare la salsa.