Strane sostanze sono state ritrovate all’interno del pomodoro in scatola: ecco la verità

I pomodori pelati, le polpe e le passate di pomodoro sono conserve sterilizzate che si possono conservare per un lungo periodo, anche per più di tre anni. Per valutare la freschezza dei pomodori pelati in scatola bisogna decifrare il codice che troviamo sull’imballaggio: una scritta composta da una lettera dell’alfabeto seguita poi da un numero compreso tra 1 e 365.

La lettera indica l’anno, invece il numero indica il giorno in cui i pomodori sono stati inscatolati. Per esempio se nella scatola appare la scritta A220 significa che il confezionamento è stato fatto il 220° giorno del 2018, che corrisponde all’8 agosto: una data perfettamente consona per la raccolta dei pomodori.

E’ bene dire che bisogna prestare attenzione quando si acquistano prodotti in scatola perché essi potrebbero contenere Bisfenolo A.

Negli ultimi anni il mercato dello scatolame alimentare è sempre più in crescita e molti sono convinti che il barattolo di latta per alimenti è una delle confezioni più sicure e controllate per i prodotti alimentari, ma non è sempre così.

I pomodori pelati in scatola fanno bene in gravidanza?

Gli esperti suggeriscono di evitare il consumo di cibi in scatola, in generale, se si è in gravidanza per evitare  l’esposizione al bisfenolo A. Questa sostanza è infatti molto pericolosa per la madre in quanto può influire negativamente sul sistema nervoso del feto, sfociando a provocare disturbi del comportamento e problemi nello sviluppo della ghiandola prostatica.

Nello specifico tra i cibi in scatola che è preferibile evitare durante la gravidanza, oltre ai pomodori pelati, ci sono anche sughi e salse a causa dell’alto grado di acidità che entra a contatto con il materiale di cui sono composti i contenitori.

Vi è mai capitato di aprire un barattolo di latta di passata di pomodoro, e trovare una vernice di colore bianco che impedisce al metallo di contaminare il prodotto al suo interno?
Sicuramente si, ed essa dovrebbe servire proprio per garantire la sicurezza del prodotto, anche se tanto sicura non è. Questa vernice protettiva infatti impedisce al metallo di contaminare il prodotto.