Smettere di bere caffè: ecco cosa succede al nostro corpo

I consumatori abituali di caffè sanno bene che oramai ne sono dipendenti, ma non tutte le speranze sono perdute perché, anche se è difficile si può arrivare a regolare le assunzioni quotidiane. Il caffè per molti è irrinunciabile, soprattutto nella colazione o dopo pranzo, questo perché riesce a darci la giusta carica e la giusta energia per affrontare la giornata. Ma avete mai pensato a cosa succede al corpo quando non si assume più caffè per quasi un mese? Ecco gli aspetti negativi causati dalla mancanza di caffè nel nostro organismo.

Gli effetti collaterali o indesiderati

La caffeina ha una serie di effetti non trascurabili nel nostro corpo. Smettere da un momento all’altro di assumere caffè porta ad avere vari disturbi, tra i più comuni troviamo: stanchezza, nervosismo che in alcuni casi può trasformarsi anche in aggressività, attacchi di fame e il più delle volte mal di testa cronico. Esaminiamoli meglio uno per uno.

Mal di testa
È il più diffuso degli effetti collaterali e il più immediato, si riesce a riavere un po’ di sollievo solo dopo una settimana. Noteremo anche molta difficoltà a concentrarci, questo perché il caffè aiutava lo sviluppo della dopamina e dell’adrenalina, proprio quegli ormoni che ci aiutano a concentrarci. Un modo efficace per ridurre notevolmente il mal di testa e far si che non si prolunghi per molti giorni, è quello di smettere gradualmente con l’assunzione di caffè.

Nervosismo ed aggressività
Smettendo tempestivamente l’assunzione quotidiana di caffeina, noterai sicuramente di diventare più permaloso ed irascibile, nei casi più rari potresti anche cadere in uno stato di depressione. Anche questo è un effetto che passa repentinamente, infatti anche il malumore passerà entro una settimana.

Attacchi di fame
Sin dall’inizio noteremo la tendenza a mangiare di più. Questo perché il caffè ha la capacità di inibire temporaneamente i recettori della fame. Questi attacchi possono essere contrastati bevendo degli infusi di tè freddo, oppure sgranocchiando qualcosa.

Anche se sono degli effetti indesiderati non tanto gravi, a lungo andare posso diventare estremamente fastidiosi e snervanti. Fortunatamente sono tutti temporanei e soprattutto possono essere mitigati prendendo delle semplici accortezze, come quella di non terminare l’assunzione di caffeina di punto in bianco, ma prendersi il giusto tempo, per far abituare il nostro organismo con calma.