Come conservare bene il miele dopo la sua apertura: ecco come fare

Il miele crudo definito anche miele non trattato (quello più salutare) non viene riscaldato o modificato in alcun modo. la maggior parte del miele che troviamo sugli scaffali nei supermercati non è stato trattato, perché se venisse riscaldato e quindi modificato, cambierebbe sia colore che sapore. Inoltre, se non è stato filtrato, nel miele grezzo possiamo anche trovare dei piccoli pezzetti di nido d’ape.

Questo prodotto può essere conservato per lungo tempo. Mi riferisco a due o anche più anni, rimanendo sempre commestibile. Tutto ciò è possibile solo se viene sigillato correttamente e conservato alla giusta temperatura. Ecco di seguito dei semplici passaggi su come conservare il miele nel modo giusto.

Innanzitutto, il bordo del barattolo dev’essere ripulito da eventuali residui di prodotto con un panno leggermente inumidito, per far sì che venga pulito accuratamente. Questo passaggio eviterà che il baratto non venga sigillato ermeticamente. Stringere il coperchio il più possibile. Dopo di ché, capovolgere delicatamente il barattolo al contrario così da verificare se perda o meno, se dovesse verificarsi la prima ipotesi si consiglia di non provare a forzare il tappo ma cambiare direttamente barattolo e coperchio.

Per garantire un’ottima conservazione del miele bisogna posizionarlo in un armadietto o in una dispensa, non troppo vicino ad altri prodotti che hanno un forte aroma, perché altrimenti si rischia che il miele una volta riaperto abbia un gusto insolito quasi piccantePer quanto riguarda la temperatura, dobbiamo assicurarci che il luogo dove viene conservato il miele sia  abbastanza secco e fresco, ma non umido e inoltre, non dev’essere un’area di stoccaggio in cui la temperatura varia spesso, anzi quest’ultima deve essere perennemente vicina a 50 gradi fahrenheit. Attenzione non dobbiamo preoccuparci se noteremo il miele un po’ più scuro, è effetto del tutto naturale, dovuto alla conservazione.

Se teniamo sigillato il miele per un lungo periodo, vedremo che sulla superficie di esso si formerà uno strato di rivestimento molto chiaro, quasi bianco. Questa trasformazione è dovuta all’alta quantità di fruttosio che contiene, il quale crea questa patina, seguendo un processo naturale che viene chiamato “zuccheraggio”Dunque, queste sono le nozioni da seguire per un’ottimale conservazione di questo prodotto. Se le seguirai alla lettera, anche tra qualche anno potrai gustare un ottimo miele.