Quale parte del corpo danneggia il caffè? Ecco la risposta

Per molti italiani il caffè rappresenta quasi un rituale giornaliero e spesso viene assunto appena svegli. Alcuni studi però hanno affermato,che assumere caffè a stomaco vuoto non sia una scelta salutare per il nostro organismo, soprattutto per coloro che soffrono di disturbi gastrointestinali o cardiovascolari. 

Reflusso Gastrico per chi assume Caffè a stomaco vuoto

Assumere caffè a stomaco vuoto come al mattino, secondo alcuni scienziati, ha la capacità di rilassare e distendere lo sfintere dell’esofago inferiore. La valvola di conseguenza potrebbe non chiudersi del tutto, permettendo all’acido dello stomaco di penetrare nell’esofago, una condizione chiamata comunemente reflusso acido. Il sintomo più comune del reflusso acido è il bruciore di stomaco, il quale si avverte spesso come un forte dolore al petto.

Assumere caffè può aumentare anche la possibilità di bruciore di stomaco perché stimola l’acidità nello stomaco. Bevande come il caffè, infatti, possono risultare molto irritanti per il nostro intestino, essendo il pH medio del caffè molto acido. Da questi studi si trae quindi la conclusione che assumere caffè a digiuno crea un processo acidificante. Per ridurre l’acidità nello stomaco, i medici consigliano di mangiare prima di assumere del caffè. 

Inoltre, il reflusso acido può essere causato dalle tossine o dalla muffa presente nel caffè. Se il reflusso acido dovesse diventare cronico,con il passare del tempo  potrebbe portare a esofagite, ovvero un infiammazione che potrebbe potenzialmente danneggiare il rivestimento dell’intestino.

Il caffè e gli effetti collaterali a stomaco vuoto

La caffeina assorbita rapidamente nel nostro corpo, solitamente entro i 45 minuti, sarà avvertita più velocemente per chi la consuma a stomaco vuoto. Chi tendenzialmente ha un processo digestivo pigro o comunque lento, dopo aver assunto caffè a stomaco vuoto avverte fin da subito l’effetto eccitante della caffeina, ma la stessa può trasformarsi anche in nervosismo e irrequietezza. Ovviamente a  stomaco vuoto l’effetto risulterà essere amplificato. 

Secondo gli esperti, è molto importante moderare l’assunzione quotidiana di caffeina ad un massimo di 200/ 300 mg al giorno, ossia due massimo tre tazze al giorno di caffè che sia del bar o della moka preparata in casa. Infine,vi ricordiamo che a volte assumere caffè a stomaco vuoto può portare a bruciore di stomaco mattutino o nausea.