Pressione alta: non trascurare assolutamente questi sintomi

La pressione arteriosa è una misura della forza con cui il sangue scorre nel nostro corpo; è una delle principali cause di malattie cardiovascolari e quindi la prima causa di morte nel mondo occidentale. Si definisce ipertensione (pressione alta) una situazione in cui si verifichi almeno una di queste condizioni:

  • Pressione sistolica (massima) >= 140 mmHg,
  • Pressione diastolica (minima) >= 90 mmHg,
  • Assunzione di farmaci per la pressione alta.
La pressione massima è quella misurata nel momento in cui il cuore si batte, mentre la minima è quella misurata tra un battito e il successivo, ovvero quando il cuore è rilassato.
Diversi studi, tra cui il MRFIT, hanno dimostrato chiaramente che più è bassa la pressione e minore è il rischio di mortalità. Il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari infatti sembra raddoppiare ogni 20 mmHg in più per la pressione massima, e ogni 10 mmHg in più per la pressione minima.

Il valore della misurazione della pressione a casa è spesso più basso della misurazione fatta in ambulatorio (ipertensione da camice bianco), così come la misurazione effettuata per 24 ore risulta più accurata e meno influenzata dall’ansia; tuttavia se questa variazione è elevata, è considerata come predittiva della possibilità di sviluppare ipertensione. E’ importante tener conto che la pressione tende ad essere più elevata nelle prime ore del mattino e dopo una passeggiata, infatti gli episodi di ictus o di infarto sono più comuni nelle prime ore della giornata.

Durante la notte, al contrario, la pressione scende del 10-20% e quando questo non accade è considerato come ulteriore fattore di rischio. I valori di pressione sanguigna sono comunque in continuo cambiamento, per adattarsi alle condizioni esterne. Può infatti oscillare per cause emotive e tendere ad essere più alta in inverno che in estate, in quanto il freddo favorisce la vasocostrizione (i vasi sanguigni diventano più stretti e la pressione aumenta).

Il segno chiave è ovviamente la pressione alta, ma per la diagnosi si fa in genere riferimento alla media di almeno 2 misurazioni consecutive, rilevate in due occasioni diverse. In genere questa condizione non si manifesta con alcun altro sintomo, tanto che la pressione alta viene spesso definitiva come un killer silenzioso. Nonostante quanto si pensi però, il mal di testa è relativamente poco comune e limitato ai casi più severi; quando si manifesta è comunque più frequente al mattino e nella zona della nuca.

Ecco i sintomi della pressione alta da non sottovalutare:
-senso di affaticabilità;
-impotenza degli uomini;
-nausea;
palpitazioni;
-vertigini;
visione offuscata.