Allerta per questi gelati confezionati: ecco la lista

Estate e gelato sono sicuramente un binomio indissolubile e non importa se i gelati siano confezionati o artigianali, ma essi fanno gola a tutti. L’estate arriva quando i reparti frigo dei supermercati e dei bar si riempiono di gelati, i più venduti sono sempre gli stessi tanto da essere diventati dei veri e propri simboli dei marchi maggiormente riconosciuti.

Il cornetto, il ghiacciolo fragola e panna o il doppio biscotto farcito con la crema alla stracciatella sono ad esempio i gelati confezionati più longevi di sempre e da anni rappresentano uno spuntino perfetto per tutte le generazioni. Gli amanti dei cornetti sanno bene che alla fine si cela una sorpresa ricca di gusto da non perdersi mai al mondo, ma una nuova ricerca ha dimostrato che questa rappresenta una minaccia per la salute.

Il gelato confezionato piace a tutti, grandi e piccoli; ne esistono di diversi tipi ma gli evergreen sono sempre loro, i classici cornetti, quelli con la crema bianca, le noccioline e i pezzetti di cioccolato fondente e croccante e una cialda molto spessa che lasciano, alla fine, una golosa sorpresa. La punta di cioccolato duro alla fine di ogni cornetto rappresenta un piccolo piacere a cui nessuno è disposto a rinunciare per nessuna ragione ma proprio questo piccolo dettaglio goloso rischia di mettere in pericola la nostra salute.

Secondo una ricerca elaborata dall’università di Utrecht quella piccolissima ma golosa parte del cornetto verrebbe sottoposta a un processo di idrogenazione. È grazie a questo processo che il cioccolato nella punta continua a mantenersi duro nonostante il continuo impatto con le temperature esterne. A causa dell’idrogenazione i grassi insaturi vengono infatti trasformati in grassi saturi e proprio questa trasformazione risulterebbe dannosa per la salute del nostro organismo in quanto i grassi saturi sono più difficili da metabolizzare e da smaltire.
Nei casi più estremi, l’accumulo dei grassi saturi nel sangue potrebbe infierire negativamente e gravemente sul colesterolo cattivo (LDL) provocando dei danni al sistema cardiocircolatorio. Tale notizia inciderà forse sull’umore dei patiti della punta del cornetto, ma considerate le piccole dimensioni della parte interessata uno sgarro una volta tanto ci può anche stare. Non è assolutamente il caso di demonizzare il classico gelato che piace proprio a tutti, ma essere consapevoli di ciò che si mangia aiuta a compiere delle scelte più sane e consapevoli per il nostro organismo.