Trovati vermi dentro questa nota marca di passata di pomodoro: ecco quale

Quando acquistiamo dei prodotti in scatola (preconfezionati), non sappiamo mai in che condizioni possa trovarsi il prodotto, poiché potrebbe non essere stato conservato in modo efficiente, oppure potrebbe non essere stato sigillato bene, non possiamo nemmeno sapere se i vari conservanti e additivi hanno adempiuto o meno al loro compito. Queste situazioni appena elencate, fanno sì che il prodotto vada in malora, a causa della comparsa di agenti patogeni, batteri e in casi rari (quando la conservazione si prolunga per molto tempo) anche di vermi.

Ma prima di spiegare nel dettaglio, i vari motivi di contaminazione, dobbiamo fare un piccolo passo indietro e cercare di capire come viene realizzata la passata di pomodoro. questo alimento è molto diffuso in tutto il mondo, soprattutto in Italia. Le aziende che la producono si trovano sparse su tutto il territorio nazionale, ma ciò non basta per far sì che questo prodotto non venga importato da altri paesi. Infatti, è proprio così, molti dei barattoli di passata che troviamo sugli scaffali dei supermercati, non hanno origine Italiana, ma provengono da altri paesi esteri, in particolar modo dalla Cina.

Purtroppo però le passate importate sono davvero di scarsa qualità, questo perché durante il processo di produzione (ovvero coltivazione, raccolta e confezionamento), vengono utilizzati pomodori marci o peggio ancora pomodori che sono saturi di sostanze nocive per l’uomo, le quali permettono chimicamente di avere un buon raccolto, ma a caro prezzo, perché i pomodori ottenuti non saranno per niente genuini. Fortunatamente vi sono altri modi per aiutare le nostre piante a crescere rigogliose.

Una valida alternativa agli agenti chimici, è l’uso di concimi. In commercio esistono diversi concimi biologici per fertilizzare le piante di pomodori e ottenere tanti frutti saporiti (sapevate che i pomodori sono frutti e non verdura?), ma questa non è l’unica alternativa, poiché possiamo optare anche per fertilizzanti naturali, che troviamo a portata di mano in quasi tutte le nostre abitazioni. Mi sto riferendo alla cenere di legno, la quale riesce a donare potassio, sodio e altri elementi alla pianta.

Dunque, vi consiglio di cercare di acquistare prodotto biologici (anche se hanno un costo decisamente maggiore) , ovvero quelli che non sono stati in alcun modo alterati dall’aggiunta di pesticidi o altre sostanze nocive per il nostro organismo, invece di quelli in barattolo (quasi sempre importati) , a cui sicuramente sono stati aggiunti questo tipo di sostanze, poiché potreste trovare davvero delle brutte sorprese all’interno.