La peggiore marca di passata di pomodoro in commercio: attenzione ecco quale

Come ogni prodotto in commercio, anche la passata di pomodoro ha la propria marca di maggiore qualità (generalmente quella più costosa) è quella di qualità decisamente scadente. Spesso però accade che la diffusione è la popolarità della marca non sia garanzia di qualità (solitamente a causa dell’aumento delle richieste, le aziende tendono a concentrarsi maggiormente sulla produzione che sulla qualità). A questo proposito, alcuni consumatori italiani, hanno denunciato le gravi condizioni dei prodotti di una famosissima azienda produttrice di vari alimenti tra cui anche la passata di pomodoro.

Nello specifico i consumatori si lamentano poiché una volta aperto il barattolo, lo hanno trovato in condizioni davvero gravi. Infatti tralasciando il colore poco invitante, sono stati riscontrati delle piccole palline bianche, le quali dopo esser state esaminate, sono risultate essere delle piccole particelle di muffa(ovviamente il prodotto è stato aperto entro la data di scadenza). Il vero pericolo sta nel fatto che sono davvero delle palline molto piccole e dunque, ad un cuoco disattento potrebbero tranquillamente sfuggire, sviluppando così, nel migliore dei casi, malessere generale, mal di pancia, mal di testa ecc…, in tutti i soggetti che inconsciamente hanno ingerito la passata.

Il problema però non è soltanto legato alla muffa, infatti alcune volte sono stati anche riscontrati dei veri e proprie vermi che nuotavano tranquillamente nella passata. Tutto ciò è davvero raccapricciante. L’azienda in questione ancora non ha minimamente cercato di giustificarsi in nessun modo. Dunque, fino ad adesso possiamo soltanto mettervi in guardia. Assicuratevi che il prodotto non abbia nessun corpo estraneo prima di buttarlo in padella.

Infine, possiamo consigliarvi di preferire alimenti biologici, ovvero quelli a cui non è stata aggiunta alcun tipo di sostanza, meglio se coltivati nelle vostre zone, mettete in considerazione che però avranno un costo leggermente maggiore, perché sono del tutto genuini, rispetto ai prodotti industriali preconfezionati, poiché, non sono stati per niente alterati dall’aggiunta di conservanti, additivi ed altri agenti chimici. Al loro posto vengono utilizzati i concimi.

In commercio esistono diverse tipologie di concimi biologici, i quali hanno lo scopo di fertilizzare le piante di pomodori, il fertilizzante naturale più utilizzato, è la cenere di legno, la quale riesce a donare potassio e altri elementi alla pianta (cenere come fertilizzante va sempre usata con parsimonia) , in modo tale che essa possa crescere rigogliosa, fino ad ottenere tanti frutti saporiti. Si, avete letto bene, ho scritto frutti, proprio perché i pomodori sono frutti e non verdura, lo sapevate?