Quanto miele si può consumare al giorno? Ecco la risposta

Il miele è uno di quei pochi alimenti che è tanto amato sia dai grandi sia dai più piccoli. Proprio per questo è difficile rinunciarvi anche quando si sta seguendo un ferreo regime di dieta. Vediamo allora quanto miele si può mangiare al giorno mantenendo però, allo stesso tempo, un’alimentazione equilibrata e corretta. Sono in molti ad utilizzare il miele come sostituto dello zucchero raffinato in quanto dolcificante naturale dalle molteplici e straordinarie proprietà antisettiche. Viene usato infatti, per lenire i sintomi del raffreddore, il mal di gola e la tosse.

Al contrario dello zucchero, non contiene il saccarosio, ma fruttosio dunque, questo significa che può mangiarlo anche chi soffre di diabete, ovviamente sempre in dosi limitate. Oltre a fruttosio come appena accennato, dobbiamo anche citare come componenti importanti del miele, il glucosio, diversi tipi di vitamine, i sali minerali, gli oligoelementi, gli antiossidanti, vari tipi di enzimi ed infine, delle sostanze con capacità antibatterica. È inoltre, è bene puntualizzare che è molto meno calorico dello zucchero e offre un senso di dolce più a lungo termine, più duraturo, ma questo non vuol dire che bisogna abusarne.

Poiché dovete sapere che circa 100 grammi di miele contengono all’incirca 300 calorie (304 se dobbiamo essere precisi). Generalmente il miele non è un alimento che fa ingrassare di per sé, ma dipende da quanto prodotto mangiamo. In modo indicativo (perché ricordiamo che ogni organismo è diverso) vengono consigliati dai 30 ai 100 grammi di miele al giorno per gli adulti. Il miele è anche una sostanza energetica, la quale favorisce la crescita del tessuto osseo attraverso il calcio, stimola le difese immunitarie, migliora le nostre capacità cognitive come la memoria, riduce l’ansia, e migliora il nostro profilo ematologico, ovvero stimola la produzione delle cellule del sangue nel nostro corpo.

Proprio per questo è per tanti altri motivi, è ottimo per iniziare la giornata con una bella colazione che può contenere semplicemente oltre al miele anche frutta o pane. Inoltre, non dimentichiamo che ogni momento in cui ci serve una dose di energia in più il miele può essere l’alimento perfetto per ottenerla. Per quanto riguarda da I più piccoli, durante l’infanzia, il miele è un’ottima alternativa allo zucchero bianco, il quale oltre a sostenere e stimolare la crescita del bambino, riesce persino a favorire notevolmente la fissazione dei sali minerali nel corpo. Tuttavia, è importante che i bambini di età inferiore all’anno non assumono miele, in quanto il loro sistema immunitario non è ancora pienamente sviluppato