Non mangiare mai arance in questi casi: ecco quali. “Attenzione”

L’arancio è un albero da frutto che appartiene alla famiglia delle Rutaceae, ha medie dimensioni e può arrivare ad un’altezza massima di 10-12 metri. Presenta una chioma tondeggiante formata da foglie sempre verdi, preferisce un clima mediterraneo e temperato con un’ottima esposizione al sole. L’arancio ha la particolarità che fiorisce e fruttifica nello stesso periodo ma la sua fioritura avviene tra aprile e maggio e, a seconda della varietà, i tempi di fruttificazione variano da metà novembre a tutto maggio e giugno.

L’arancia è l’agrume più diffuso e coltivato in tutto il mondo e ne esistono diverse varietà (pensiamo che già solo in Italia se ne contano più di 20), ma le distinguiamo maggiormente per il colore della polpa (che può essere arancia rossa, gialla) e per il gusto ( dolce e amaro). Ma in questo articolo noi ci occuperemo di divulgare una notizia che riguarda le arance che da troppo tempo sono impiegate erroneamente come panacea contro i mali invernali. Ciò che viene riportato qui sono le parole di uno di quei medici che preferisce i fatti alla teoria: fatti che sono supportati dai migliaia di pazienti migliorati da patologie, anche alcune gravi, semplicemente modificando la loro alimentazione.

Tutto ciò che diremo per le arance è altrettanto valido anche per i mandarini e i mandaranci. Partiamo dal fatto che, a parte le persone che appartengono al gruppo sanguigno B che tollerano molto bene le arance, tutti gli altri si dovrebbero tenere a debita distanza dall’agrume. Tutti i medici, i nutrizionisti, le riviste specializzate, i siti web, sono in tantissimi a spacciare le arance come indispensabili per il loro contenuto di vitamina C e di altri anti-ossidanti che in teoria dovrebbero aiutarci a superare benissimo il freddo dell’inverno.

Ma come accade spesso, questa pratica è molto diversa dalla teoria e puntualmente nel mese di Novembre con l’arrivo delle arance, iniziano anche le tossi e le bronchiti insieme a tutta una serie di problemi articolari. Poi verso il mese di Aprile termina la stagione delle arance e come per magia spariscono anche moltissimi dei nostri problemi. E’ solo una casualità? Con quanto detto è chiaro che nessuno mette in dubbio che le arance contengano una buona quantità di vitamina C, ma è pur vero che il loro contenuto è misero se paragonato ad altri alimenti, specie se facciamo riferimento ad alcune verdure.