Ecco perché mangiare arance fa bene alla salute: “pazzesco”

Le gustosissime arance sono in Europa da poco più di 500 anni e da allora hanno completamente conquistato tutto il mondo. La storia delle arance comincia da molto lontano, fin dalla Cina e dal sud-est asiatico: furono i marinai portoghesi nel 16° secolo ad importarle nel nostro Continente. L’arancio (Citrus sinensis), è l’albero da frutto che appartiene alla famiglia delle Rutacee e molto probabilmente in origine era un antico ibrido tra il pomelo ed il mandarino anche se ormai da secoli cresce raggiungendo fino a 12 metri in altezza come specie autonoma.

Soltanto in Italia più di venti varietà vengono coltivate come frutta da tavola e altrettante per realizzare una spremuta. Partendo dalla colazione ed arrivando al dessert, le arance sono particolarmente adatte ad ogni dieta sotto forma di marmellata, di anatra all’arancia ma anche come una morbidissima torta brasiliana: vi assicuriamo che il successo è garantito, unico, sicuro e molto trasversale. Vediamo le proprietà dell’arancia: esse hanno poche calorie (40 Kcal per 100 grammi) per una grandissima bontà, la loro stessa composizione le rende davvero un fenomenale alleato del nostro peso forma ideale. Composta per il 90% di acqua, a cui vanno poi aggiunti il fruttosio, i sali minerali, moltissime vitamine (C, B e P), l’acido citrico e le fibre.

Le arance rosse contengono perfino calcio, fosforo, potassio, ferro e selenio. Proprio per questo motivo la spremuta di arancia è un vero elisir di benessere, assolutamente capace di purificare contemporaneamente i nostri reni, il fegato, l’intestino e la nostra pelle. Ma andiamo al centro dell’articolo: perché le arance fanno così bene alla nostra salute? Diciamo subito che sono un vero toccasana per l’organismo in quanto apportano moltissimi benefici: aiutano a prevenire l’influenza, abbassano i livelli di colesterolo, proteggono i reni, gli occhi e la vista, fanno bene all’apparato cardio-circolatorio.

Le arance regolano anche l’assorbimento degli zuccheri, dei grassi e delle proteine, attivano il metabolismo, rinforzano il sistema immunitario, contrastano l’invecchiamento cellulare e migliorano la digestione. Tre piccole curiosità: 1.contrariamente a ciò che si possa pensare, il nome di questo frutto non è dovuto al suo colore e il suo termine è una traslitterazione di “naranga” che significa “profumo”. 2. In alcuni paesi, questo frutto è associato alla fertilità in quanto è l’unico albero che può produrre contemporaneamente fiori, frutti e fogliame. 3. Dopo il cioccolato e la vaniglia, il sapore dell’arancia è quello più rivendicato e preferito in tutto il mondo.