Perché mangiare nutella a colazione? Ecco la spiegazione

Tutti conosciamo la Nutella, infatti, proprio per la sua grande diffusione e popolarità, questa eccellente crema spalmabile è la più diffusa in tutta Europa. È conosciuta così in larga scala grazie alla sua straordinaria bontà e versatilità, ma nonostante ciò, sono molte le persone che pensano che sia tanto buona quanto piena di zuccheri, dunque nel momento in cui se ne fa un abuso spropositato fa ingrassare. Vediamo insieme se è veramente così oppure si tratta di una delle tante dicerie radicate nel tempo. Ecco la verità, ce lo dimostra la Scienza.

Non possiamo di certo omettere il fatto che la quantità di calorie contenute nella Nutella è piuttosto elevata, si tratta, per essere precisi, di quasi 550 Kcal ogni 100 grammi, ma nonostante ciò questa straordinaria crema spalmabile, a differenza di altri alimenti come ad esempio il pane, la marmellata e la frutta in generale, presenta un basso indice glicemico. Non ho sottolineato il fattore glicemico a caso, il quale, per capirci, riguarda il livello complessivo di zucchero nel sangue, poiché molto importante per l’aumento o per la perdita di peso.

Per essere più precisi, l’aumento di zuccheri nel sangue dopo il pasto (l’aumento è notevole quando il pasto è stato molto abbondante) , induce solitamente la secrezione di un ormone in particolare, mi riferisco all’insulina, la quale ha la fondamentale funzione di ridurre notevolmente la quantità di zucchero nel sangue, così da favorire l’accumulo di glucosio sia a livello epatico che a livello muscolare. La Nutella ha un indice glicemico relativamente basso, il quale si aggira intorno a 33 per essere precisi, ciò è dovuto proprio al fatto che lo zucchero presente in essa è accompagnato da una buona quantità di grassi. Quest’ultimi, in pratica, vanno a rallentare il suo assorbimento, non innalzando di molto il livello glicemico e rallentando la secrezione di insulina.

Dunque, possiamo francamente affermare che La Nutella non sembra essere così dannosa come vogliono farci credere, basta soltanto non abusarne. Inoltre, potrebbe essere anche un valido sostituto di molti altri alimenti come ad esempio i cereali mangiati a colazione, i quali presentano un indice glicemico di 84 e di conseguenza scatenano tutto il processo insulinemico. Quindi una colazione costituita da un cucchiaio di Nutella steso su una fetta di pane integrale è di sicuro nettamente migliore della solita tazza di latte parzialmente scremato con i normali cereali da colazione. L’importante, come accennato in precedenza, è non superare la quantità giornaliera indicata