Evita assolutamente questi cibi se hai il colesterolo alto

Il colesterolo è un composto organico appartenente alla famiglia dei lipidi steroidei che svolge nel nostro organismo molteplici funzioni biologiche, importanti e soprattutto fondamentali. Si tratta di un componente delle membrane cellulari, di cui regola la fluidità e la permeabilità, ma è anche il precursore della vitamina D, dei sali biliari e degli ormoni steroidei (sia quelli maschili che quelli femminili come ad esempio il testosterone, il progesterone, l’estradiolo e il cortisolo).

Nonostante il colesterolo svolga questo ruolo biologico davvero importantissimo nel nostro organismo, quando circola nel sangue in concentrazioni più elevate rispetto alla norma, ecco che si trasforma in un acerrimo nemico della nostra salute e come tutti gli avversari più temibili, il colesterolo alto può essere però sconfitto esclusivamente conoscendolo bene a fondo ed utilizzando tutte le informazioni necessarie al fine di elaborare delle adeguate strategie difensive e di contrattacco. Avete mai sentito parlare di ipercolesterolemia?

Si tratta di un livello di colesterolo presente nel sangue che va oltre i 240 mg/dl ed è una condizione che negli ultimi 10 anni è risultata molto più in crescita in entrambi i sessi rispetto a prima e interessa oggi il 38% della popolazione italiana contro il 24% riscontrati negli anni tra il 1998 e il 2002. Il ruolo più importante nel controllo di tali livelli di colesterolo spetta però, alla dieta composta dai cibi di origine vegetale con un consumo minimo di grassi: questa è infatti la migliore prevenzione anche se non va dimenticata l’importanza di un corretto stile di vita caratterizzato soprattutto da una regolare attività fisica. Per aiutarvi in questa difficile “missione” abbiamo allora deciso di elencarvi quali sono gli alimenti da evitare nel caso in cui aveste a che fare con questa condizione.

  • Grassi animali come il burro, il lardo, lo strutto e la panna;
  • Le Frattaglie (come fegato, cervello, reni) e tutti i tipi di insaccati che hanno un elevato tenore in grassi saturi. Gli insaccati e le carni conservate andrebbero infatti consumate nella quantità minore possibile ma non soltanto in ottica di prevenzione cardiovascolare ma anche per garantire la prevenzione per diversi tumori.
  • Oli vegetali saturi come olio di palma e di colza.
  • Latte intero o condensato, lo yogurt intero insieme a tutti quei formaggi ad elevato tenore in grassi saturi;
  • Le bevande alcoliche (specie parlando dei casi di ipercolesterolemia associata ad ipertrigliceridemia);
  • Gli Zuccheri semplici quali il glucosio, il saccarosio e il fruttosio industriale.