Cosa succede se mangio cioccolato fondente tutti i giorni?

Dobbiamo ammetterlo: Il cioccolato fondente è una delizia dalle note più amare. Ben diverso da quello al latte, piace soprattutto al palato degli adulti e quindi per alcuni, possiamo considerarla una vera e propria tentazione. Nonostante ciò, ci sono certe voci negative sul cioccolato fondente, scopriamo se sono fondate e dunque cosa succede a chi mangia cioccolato fondente frequentemente, persino tutti i giorni. Ecco la risposta degli esperti del settore. Innanzitutto, è importante aprire una piccola parentesi sulle sue caratteristiche fondamentali, prima di passare alle sue capacità benefiche.

Il cioccolato fondente è ricco di polifenoli, i quali sono conosciuti dalla loro azione antiossidante e antinfiammatoria. Al suo interno troviamo anche i flavonoidi, quest’ultimi, sono presenti solo in questo tipo di cioccolato e agiscono in particolar modo sulle fibre muscolari del cuore, in questo modo permettono alle arterie di essere flessibili e ben dilatate. Il cioccolato fondente aiuta inoltre ad abbassare la pressione arteriosa, stimolando così la produzione di serotonina, la quale svolge un compito di estrema importanza sul nostro sistema nervoso, ovvero un’azione antidepressiva. Consumare cioccolato fondente migliora inoltre la performance sportiva degli atleti. Questa affermazione va a sfatare il mito che riguarda l’alimentazione ferrea e priva di dolci (come il cioccolato) degli sportivi.

Non è così perché i tessuti risultano più ossigenati e di conseguenza l’energia necessaria per compiere uno sforzo arriva ad un livello ottimale permettendo di raggiungere i risultati tanto desiderati. Non dobbiamo dimenticare di citare lo straordinario effetto protettivo del cioccolato fondente nei confronti di importanti patologie neurodegenerative del cervello, mi riferisco ad esempio all’Alzheimer, ovvero la demenza senile. In merito dobbiamo dire che la produzione di ossido nitrico inibisce la produzione di beta amiloide, per intenderci, si tratta di una proteina che è coinvolta nel processo degradante delle cellule cerebrali da parte di una malattia come l’Alzheimer.

Attenzione però, poiché tutte queste qualità che ho appena elencato non vi autorizzano a mangiare grandi quantità e in modo frequente di cioccolato fondente. Il cioccolato fondente è un prodotto calorico, dunque, la scelta della tipologia di cioccolato fondente da acquistare per la propria dieta, deve essere effettuata con la massima attenzione possibile e l’alimento va mangiato nelle giuste quantità, senza esagerare. Comunque sia, il cioccolato fondente si può mangiare quotidianamente ma soltanto se si tratta di piccole quantità, per capirci, non devono superare i 10 o 15 grammi. La scelta migliore è scegliere del cioccolato fondente che abbia almeno, tra gli ingredienti, il 70% di cacao.