Quando è meglio mangiare arance? Ecco la risposta: “attenzione”

Esiste un famosissimo detto popolare che recita: “le arance la mattina sono oro, a pranzo sono argento, ma la sera diventano piombo“. Volete sapere il suo significato? Beh, nella credenza del volgo, nella tradizione dei nostri nonni e dei nostri genitori, l’arancia di sera diventa particolarmente difficile da digerire invece al risveglio fornisce la giusta carica per iniziare la giornata nel migliore dei modi. Ma si tratta di un vero o di un falso mito?

Quando è meglio mangiare le arance? E quante ne dobbiamo mangiare ogni giorno per sentirci meglio? In generale, consumare la frutta è uno degli imperativi della dieta mediterranea. Essa, contenendo difatti diverse vitamine e acqua, dona molta energia al nostro organismo, accelera il metabolismo e svolge una funzione antiossidante e antitumorale. Ciò che bisogna precisare però è che non tutta la frutta è digeribile e soprattutto non tutta fa dimagrire, anzi alcuni frutti contengono troppe calorie mentre altri risultano estremamente acidi.

Per fare chiarezza proprio sotto questo punto di vista, vediamo insieme quando è meglio mangiare le arance, in che modo possiamo aiutare il nostro corpo e quali benefici apportano. Iniziamo dicendo che bisogna mangiare arance esclusivamente nel periodo naturale della arance, cioè nei mesi che vanno da novembre ad aprile. E’ possibile trovare arance anche durante i mesi estivi ma si sa che nei mesi caldi i frutti saranno disidratati e perderanno il loro contenuto di acqua e di vitamine. Inoltre la frutta fuori stagione può essere particolarmente trattata con pesticidi e sostanze chimiche quindi è meglio evitarla.

Quanto ai momenti migliori della giornata per consumare le arance, vi consigliamo di mangiarle al mattino come colazione oppure subito post colazione. Vanno anche benissimo a pranzo, dopo un primo o un secondo leggero ma sarebbe ideale consumarle a stomaco vuoto, al massimo fino alle ore 20. Non è comunque assolutamente consigliabile mangiarle di sera, né come fine pasto, né come pasto sostitutivo e adesso vediamo il perché.Quando non si devono mangiare?

Abbiamo visto che le arance contengono parecchio fruttosio, ovvero zucchero e sono anche particolarmente acide. Sono proprio queste le due caratteristiche che ci spingono ad affermare che le arance non vanno mai consumate dopo cena. I grassi contenuti all’interno di questi frutti non possono essere in nessun modo smaltiti durante il sonno ma anzi si accumulano trasformandosi subito in adipe. Inoltre l’acidità è acerrima nemica del buon riposo in quanto impedisce la corretta digestione e può dare vita a complicazioni fastidiose quali la gastrite notturna o il reflusso gastrico. Evitiamo perciò le arance dopo cena, specie se siamo a dieta ma se proprio avete voglia di un’arancia prima di andare a dormire allora è utile prendere le foglie, farle bollire in una tazza d’acqua e prepararvi un bell’infuso.