Se cambi queste abitudini ridurrai il colesterolo: ecco quali sono

L’ipercolesterolemia è quell’innalzamento dei valori del colesterolo nel sangue ed è un fattore di rischio per il nostro organismo in termini di malattie cardiovascolari. Alcune ricerche condotte di recente indicano che nel nostro Paese, sia negli uomini che nelle donne, c’è un aumento dei livelli di colesterolo. Il colesterolo LDL, il cosiddetto colesterolo “cattivo”, se in eccesso può compromettere la circolazione e aumentare il rischio delle malattie del cuore come infarto al miocardio e ictus. Al contrario invece, i livelli ridotti di colesterolo HDL sono associati ad un aumento del rischio di disturbi cardiaci e vascolari.

Purtroppo, avere alti livelli di colesterolo non dà particolari sintomi e tante persone non sono per niente a conoscenza di avere il colesterolo elevato. Perciò, al fine di prevenire problemi di salute, è bene cercare di mantenere sotto controllo i propri livelli; vediamo allora insieme come possiamo proteggere la salute del nostro cuore attraverso un corretto stile di vita. I soggetti a rischio di malattia cardiaca dovrebbero mettere in atto alcun piccoli accorgimenti per diminuire questa probabilità e tra questi possiamo distinguere fattori di rischio modificabili come la pressione alta, il colesterolo alto, i trigliceridi elevati, l’infiammazione e la diagnosi di diabete mellito.

Fattori non modificabili come l’età (dato che all’aumentare degli anni aumenta notevolmente il rischio specie nelle donne), il sesso maschile, l’etnia e la storia familiare di eventi cardiovascolari. Ecco alcuni consigli per un sano stile di vita che ci permette di mantenerci in forma e di avere il colesterolo all’interno del valore adeguato. E’ buona abitudine innanzitutto nutrirsi in modo sanoevitare il fumo e svolgere una regolare attività fisica. E’ consigliato aumentare il consumo di verdura e frutta, con almeno 2-3 porzioni al giorno per entrambi; aumentare alimenti ricchi di fibre in quanto riducono il livello di colesterolo totale e di colesterolo LDL, diminuendo l’aumento degli zuccheri nel sangue (glicemia) dopo aver mangiato cibi ricchi di carboidrati.

I cereali (quali riso e pasta), specie se integrali, ma anche i legumi, sono una valida fonte di fibre e si consiglia di assumere almeno 40-45 g di fibre al giorno, meglio se da prodotti integrali. E’ importante anche mangiare pesce almeno 1-2 volte a settimana che, grazie agli acidi grassi omega-3 e al basso contenuto di colesterolo aiuta la salute del nostro cuore. Inoltre sappiate anche che il fumo è causa di molteplici disturbi ed è responsabile della metà dei decessi evitabili, soprattutto quelli dovuti ad eventi a carico del cuore, tanto che il rischio di malattia cardiaca a 10 anni è circa il doppio per chi ha l’abitudine della sigaretta.