Cosa succede se si beve acqua la mattina a stomaco vuoto?

Tra le buone pratiche che ognuno di noi dovrebbe acquisire al fine di migliorare le proprie abitudini quotidiane c’è ne è una che può apportare all’organismo molteplici benefici. Stiamo parlando del bere un bicchiere d’acqua la mattina a stomaco vuoto, prima di iniziare la giornata con una colazione abbondante e ben salutare. Assumere dell’acqua a stomaco vuoto fa bene sia alla nostra bellezza che alla nostra salute e meglio ancora se depurata. Quello dell’idratazione mattutina è sicuramente un antichissimo consiglio di cui anche le nonne non potevano fare a meno: bere a digiuno aiuta la pelle e l’intestino, ma i vantaggi correlati a questa sana abitudine possono essere davvero moltissimi e svariati, vediamone alcuni.

Consumare regolarmente dell’acqua al mattino appena svegli fa sì che il metabolismo possa funzionare ancora meglio e più velocemente (accelerandolo di circa il 24%), favorendo così la perdita di peso in eccesso, depurando l’organismo dalle tossine, conferendo l’energia necessaria con cui affrontare la giornata, permettendo di superare le difficoltà digestive, agevolando la guarigione di disturbi come il mal di stomaco o l’emicrania. L’acqua a stomaco vuoto ripristina anche la corretta circolazione del sangue consentendo di ottenere un sollievo da gastrite, stitichezza, cistite e ipertensione.

La medicina giapponese, ad esempio, ha proprio elaborato una vera cura dell’acqua, sottolineando come la quantità di acqua da bere al mattino a digiuno debba essere di circa quattro bicchieri. Insomma, non sole poche gocce e via, ma un vero e proprio rituale di benessere con cui accompagnare i primi istanti della giornata; se assumere questo quantitativo dovesse rivelarsi però eccessivo, prima di arrivare alla dose giornaliera consigliata si può iniziare in modo graduale a piccoli sorsi.

Una volta alzati dal letto e prima di lavare i denti, bisogna bere a digiuno circa 0,5 litri di acqua conservata correttamente in frigo oppure chiusa all’interno di un contenitore lasciato a temperatura ambiente, a seconda delle preferenze personali. Si consiglia, poi, di attendere per circa una quarantina di minuti prima di fare colazione e, se possibile, di non mangiare niente nel corso delle due ore successive (ovviamente salvo indicazioni mediche differenti in base alle propria necessità). Un’ulteriore raccomandazione da tenere presente è di non bere mai dallo stesso bicchiere riposto la sera prima sul comodino, in quanto esso potrebbe essere veicolo di batteri e di acari.