Come risolvere le difficoltà di adattamento alle lenti progressive

Le lenti progressive sono delle lenti capaci di correggere tre tipologie di difetti visivi grazie a tre aree differenti che permettono di vedere da vicino, da lontano e nelle distanze intermedie.

Rispetto alle vecchie lenti bifocali, gli occhiali progressivi sono caratterizzati da un’assoluta fluidità di passaggio da una zona di visione all’altra. Spesso, però, a cause delle diverse aree di visione è possibile avere delle difficoltà di adattamento a questo tipo di occhiali.

Solitamente, i fastidi più comuni che si possono incontrare durante il periodo di adattamento agli occhiali progressivi sono i seguenti: mal di testa, vertigini, difficoltà a scendere o salire le scale e vista offuscata.

Generalmente questi fastidi durano per almeno 10 giorni, prima che l’occhio si adatta completamente al funzionamento della lente.

Fattori importanti per l’adattamento alle lenti progressive

Quando si acquista un paio di occhiali progressivi bisogna considerare bene alcuni fattori, tra cui l’opinione dell’ottico che effettua l’esame della vista e quali valori sono stati registrati dai macchinari.

Quando è necessario montare delle lenti progressive, il montaggio delle lenti diventa un processo essenziale e molto delicato: l’ottico deve calcolare con precisione millimetrica l’altezza di montaggio, ovvero la distanza fra il centro ottico e la base inferiore della montatura. Un millimetro di errore potrebbe causare il non adattamento agli occhiali.

I portatori di occhiali progressivi dovrebbero sempre scegliere una montatura alta, perché è l’unica tipologia di montatura che rende confortevole l’utilizzo degli occhiali e permette ai diversi campi di visione di avere il giusto spazio a disposizione. Una montatura bassa non offre alle diverse aree visive uno spazio adeguato. Scopri le lenti Ellisor e le diverse tipologie di lenti adatte ad ogni problema visivo.

Il tempo necessario per adeguarsi alle lenti progressive può aumentare anche nel caso in cui la differenza di diottrie da vicino e da lontano sia più elevata.

Consigli utili per un adattamento rapido alle lenti progressive

Ecco un elenco di consigli utili da mettere in pratica per adattarsi più velocemente alle lenti progressive:

  1. Quando si è alla guida, per guardare la strada in lontananza è consigliato utilizzare la parte della lente superiore, ovvero quella dedicata alla vista da lontano. Quando bisogna guardare gli specchietti o fare retromarcia è consigliato accompagnare il movimento dello sguardo con la testa così da non portare l’occhio su altri campi visivi.
  2. Scendere le scale con le lenti progressive potrebbe essere pericoloso durante i primi giorni di adattamento. Quando si scende le scale è importante abbassare il mento tenendo lo sguardo fermo, così che gli occhi continuano ad utilizzare la parte alta della lente. Si consiglia di scendere le scale con cautela.
  3. Quando si legge un giornale o si guarda qualcosa da vicino è fondamentale utilizzare la parte inferiore della lente e abbassare solo lo sguardo. Se si accompagna lo sguardo con il mento l’occhio si concentra sul campo visivo dedicato alla vista da lontano e l’occhio tende a stancarsi ulteriormente.