La mascherina provoca l’acne? Incredibile, ecco cosa dice l’esperto

La mascherina, in questi mesi in cui la nostra vita è totalmente cambiata, è diventata mostra alleata. Ormai per tutelare la nostra salute abbiamo tutti, o quasi, accettato di dover convivere con la mascherina in quanto alleata ed al momento unico rimedio per contrastare la diffusione del Coronavirus.

DAL NOSTRO NETWORK:

  • Perchè la frutta fa male dopo i pasti? La risposta della medicina
  • Il formaggio crea dipendenza, verità o falso mito? Ecco la risposta
  • A chi fanno male le fave? Queste le persone a rischio


In questo periodo si sente spesso parlare di Maskne, ovvero termine coniato per indicare l’acne da mascherina. Gli studiosi hanno osservato che indossare la mascherina protettiva causa la formazione di acne e dermatiti, anche gravi, che si vanno a sviluppare nelle zone coperte dal dispositivo medico.
Secondo gli esperti tale situazione si verifica in quanto il dispositivo di protezione copre gran parte del viso ed impedisce alla pelle di respirare, permettendo così un accumulo di sebo che origina la cosiddetta maskne. L’irritazione cutanea è innescata da una serie di fattori, quali:
– l’umidità che deriva dalla respirazione
– l’attrito continuo tra la mascherina ed il viso
– la crescita di batteri, e la penetrazione dei germi nella pelle.

La prevenzione dell’acne da mascherina si può attuare mediante molteplici accorgimenti da effettuare prima e dopo l’utilizzo del dispositivo di prevenzione. Innanzitutto è di fondamentale importanza lavare il viso con un detergente specifico due volte al giorno. I movimenti della pulizia devono essere delicati al fine di non diffondere l’infiammazione ed evitare così la comparsa di altri brufoli.
Alla detersione è da affiancare un’accurata idratazione, mediante l’utilizzo di prodotti delicati e non aggressivi.