Mangiare miele ogni pomeriggio: cosa succede al nostro corpo?

Uno dei prodotti naturali più “miracolosi” sviluppati dalle laboriose api è indubbiamente il miele, a lungo una delle pochissime sostanze zuccherine utilizzate dall’uomo. Si tratta del prodotto “trasformato” proprio dalle api dal nettare e la melata delle piante da fiore.

Nutrimento fondamentale per le api, durante le stagioni rigide, ma anche molto importante per altre specie: gli esseri umani hanno iniziato ad apprezzarne le qualità svariati millenni fa. Considerato un alimento prezioso e diffuso anche nella medicina antica, a partire dal 18° secolo è stato gradualmente sostituito dallo zucchero di canna, più economico ma anche meno “salutare”.

Proprietà benefiche

Il miele infatti ha importanti proprietà antibatteriche e antibiotiche, è un eccellente fonte di fruttosio, “zucchero naturale”, ed ha un grande potere saziante. Negli ultimi anni è ritornato in auge in molte diete, sopratutto con la diffusione dell’agricoltura biologica. Le proprietà nutritive differiscono in maniera sensibile dal punto di vista nutrizionale a seconda del tipo di fiore: il miele di acacia ha effetti positivi sull’apparato digerente, il miele di arancio ha proprietà cicatrizzanti, il miele di girasole è utile contro l’influenza, e così via.

Ha come detto proprietà antisettiche, fa bene alla pelle e garantisce anche, secondo molti, un’azione preventiva antitumorale.

Mangiare miele ogni pomeriggio: cosa succede al nostro corpo?

Tendenzialmente “niente di male”, anzi, risulta essere consigliabile al posto del tradizionale zucchero come dolcificante per il tè, le tisane o il caffè. Bisogna stare attenti solo all’apporto calorico che è piuttosto alto (oltre 300 calorie per 100 grammi) anche se la maggior parte delle persone riescono a limitarsi da sole nel consumo, essendo particolarmente saziante.

Mangiarlo ogni pomeriggio, magari su un po’ di pane, oppure come detto, come dolcificante, aiuta il sistema immunitario, può garantire un miglioramento dell’azione del tratto digestivo (il fruttosio viene assimilato in maniera più semplice dello zucchero raffinato) e fa bene alla pelle.

miele