Colesterolo alto: ecco la frutta che devi assolutamente evitare

Il colesterolo

Il colesterolo appartiene alla famiglia dei lipidi che, in quantità fisiologiche, risulta indispensabile per la costruzione di cellule sane ma in quantità esagerate rappresenta uno dei maggiori fattori di rischio per malattie cardiache.
E’ un grasso presente nel sangue che viene prodotto in maniera autonoma da ogni individuo anche se una piccola percentuale viene introdotta con la dieta quotidiana.
Il colesterolo svolge importanti funzioni vitali e ne bastano piccole quantità assunte per rimanere in salute.

Esistono due tipi di colesterolo: LDL e HDL.

Il primo è a bassa densità di lipoproteine chiamato anche colesterolo cattivo in quanto può creare aterosclerosi e causare blocco delle arterie o arresto del flusso di sangue.
Il secondo è invece ad alta densità di lipoproteine chiamato colesterolo buono perché raccolgono quello cattivo e riportano al fegato.

Il colesterolo alto è un problema parecchio comune, spesso ereditario ma dovuto soprattutto ad uno stile di vita malsano, al sovrappeso o obesità e al fumo; copre disturbi che provocano l’accumulo di grassi extra nel sangue.

Come rendersi conto di avere il colesterolo alto?

Di per sé non provoca nessun sintomi al paziente fatta eccezione per i casi di ipercolesterolemia familiare omozigote in cui si nota fin dalla piccola età, tuttavia alcuni segnali sono il deposito di colesterolo nei tendini e nella cornea oppure le placche lipidiche all’interno di ginocchia e gomiti.
Le cause del colesterolo alto possono essere anche alimentari e tra i cibi da limitare o addirittura evitare troviamo:

-Alimenti ricchi di grassi saturi (insaccati, formaggi, tuorli d’uovo e latticini a meno che non sia latte scremato);
-Oli vegetali scuri (palma e colza);
-Frattaglie (cervello, fegato, reni);
-Bevande Alcoliche;
-Gelati;
-Zuccheri semplici.

Ahimè, nell’ultima categoria dei cibi da evitare abbiamo la frutta, non tutta ovviamente, ma quella che, contenendo un’alta percentuale di carboidrati e fruttosio, contribuisce ad innalzare i livelli del colesterolo già alto.
E’ quindi opportuno prestare attenzione e non assumere nessuno dei seguenti frutti: le mele, le ciliegie, le pere, l’uva sia bianca che nera, i datteri e i fichi secchi.