Il pesce gonfia la pancia? svelata la verità una volta per tutte

Digeribile, sano e ricco di omega-3, tutte le specie di pesci, contengono i grassi “buoni”.
Innanzitutto è bene dire che il pesce, difficilmente gonfia la pancia e rallenta la digestione in quanto, esattamente come la carne bianca è un alimento altamente digeribile soprattutto se cucinato in modo gustoso. Il pesce contiene anche acidi grassi monoinsaturi tipici dell’olio di oliva, soprattutto di quello extravergine.

E’ uno degli alimenti fondamentali per una sana alimentazione; è una specie acquatica vertebrata, dotata di branchie, pinne e scaglie e ne esistono tantissime specie più di 32 000, che si classificano in base a diversi criteri, ma principalmente per habitat e struttura.
Il pesce maggiormente amato e cucinato è quello che vive in acqua di mare, utilizzato nelle ricette dei primi piatti come pasta o risotti oppure secondi piatti come le fritture.

Tra i più amati abbiamo: acciuga, aringa, branzino, cefalo, gallinella, merluzzo, orata, spigola, pesce spada, razza, sardina, alici, scorfano, sgombro, sogliola, tonno e molti altri; a questi si affiancano i pesci di acqua dolce (fiume) quali: carpa, pesce gatto e la trota. Esiste anche una categoria detta ibrida, che accumuna tutti i pesci d’acqua mista quali: anguilla, salmone e storione.

Il pesce, oltre ad essere gustoso e protagonista delle tavolate di festa fa molto bene alla nostra salute. Indipendentemente dalla specie, chi più, chi meno, contengono tutti acidi omega-3, pertanto si dovrebbe mangiare pesce almeno due volte alla settimana preferibilmente in sostituzione alla carne.
Come citato sopra, il pesce non gonfia la pancia ed è facilmente digeribile a meno che non si tratti di un’intolleranza dove si presentano sintomi quali gonfiore addominale, nausea, crampi, vomito e mal di testa.

Curiosità sul pesce azzurro: sono tali perché vivono nella colonna d’acqua, cioè non hanno mai rapporti con il fondo, né per nutrirsi né per riprodursi; la colorazione del suo corpo, è caratterizzata da fianchi e dorso di colore azzurro-verde con pancia argentata che gli permette di mimetizzarsi perfettamente. E’ importante ricordare che alcune specie di pesce azzurro sono a rischio estinzione, è il caso degli sgombri e dei tonni rossi soprattutto.