Scoperta la verità sul tonno in scatola all’olio d’oliva, nessuno lo sapeva

Il tonno in scatola è uno degli alimenti più richiesti dai consumatori, soprattutto italiani. Questo probabilmente perché è perfetto per cotture “facili e veloci” e perché può essere utilizzato per creare piatti sia semplici che complessi. Inoltre il tonno in scatola è molto più economico del tonno fresco, quindi è molto richiesto, per lo stesso motivo dovremmo chiederci perché la differenza di prezzo è così alta, visto che le materie prime sono medesime.

Insomma, il tonno in scatola è un prodotto “salvavita” perché anche se la nostra dispensa è vuota e non abbiamo la minima idea di cosa preparare, quella scatola di tonno è pronta a salvarci! Gli studenti o i lavoratori fuorisede, ad esempio, sanno che il tonno in scatola è un must perfetto!

Nonostante questi vantaggi, molti esperti e nutrizionisti sconsigliano il consumo ditale prodotto, soprattutto se consumato regolarmente, perché il tonno in scatola può contenere diverse sostanze nocive per la salute se assunto per un lungo periodo di tempo.

Scopriamo insieme cosa contiene effettivamente una scatoletta di tonno.
Metalli pesanti
I metalli pesanti sono in cima alla lista delle sostanze malsane presenti nel tonno in scatola. In effetti, è noto che i tonni si nutrono di pesci più piccoli che, a loro volta, possono assorbire facilmente metalli pesanti come il mercurio. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l’ingestione di piccole quantità di metalli pesanti è sufficiente per causare dei seri problemi ai reni, al sistema cerebrale, al sistema immunitario e a quello circolatorio.

A causa del comportamento irresponsabile dell’essere umano, l’inquinamento degli oceani peggiorando continuamente e la prima a soffrire è la vita marina. Il pesce contiene infatti varie sostanze chimiche, come diossine e PCB, che risultano altamente cancerogene. Gli esseri umani scaricano tali sostanze chimiche direttamente in mare, invece di scaricarle in luoghi speciali ed è inevitabilmente che i pesci, compreso il tonno, se ne nutrono.

Inoltre, se il tonno viene manipolato e conservato scorrettamente, il rischio di intossicazione è piuttosto alto.

Date queste ragioni, se non puoi vivere senza tonno, una valida opzione è quella di acquistare il tonno in vasetti di vetro in quanto è di migliore qualità. Uno dei vantaggi dell’acquisto del tonno conservato nei barattoli di vetro è che è possibile constatare la freschezza del pesce. Infatti, se il tonno è rosa vuol dire che è fresco ma se è di colore grigio-rosato o rosa-giallastro, non è del tutto fresco.