Mangiare un limone al giorno: cosa può accadere al nostro corpo?

Molti si chiedono se mangiare un limone al giorno può avere influssi benefici o controindicazioni sul nostro corpo e sulla nostra salute. Sappiamo tutti che mangiare verdura e frutta nelle giuste quantità è la base per un’alimentazione sana e bilanciata.

L’inserimento del limone nella dieta quotidiana può sicuramente apportare molti benefici al nostro corpo: le tante proprietà del frutto – che andremo ad elencare – ci aiutano a stare meglio. Tuttavia il suo sapore aspro e la possibilità che porti ad una crescita del tasso d’acidità nella bocca e nello stomaco vanno in qualche modo gestiti. Scopriamo come in questo articolo.

Mangiare un limone al giorno: cosa può accadere?

Il limone ha indiscusse proprietà benefiche per il nostro corpo, a partire dalla forte componente di vitamine che lo caratterizza. Ricco di vitamina C, può essere utile a curare e prevenire raffreddori e a stimolare le risposte del sistema immunitario. Oltre a questa, contiene vitamine del gruppo B, E, potassio, magnesio, calcio, ferro, fosforo e folati che servono tutti al miglior funzionamento del nostro organismo.

Come tutti i frutti, essendo composto principalmente di acqua, aiuta in caso di disidratazione e favorisce la diuresi e la depurazione del corpo. Le sue componenti acide – che generano però anche le controindicazioni – aiutano la secrezione di succhi gastrici e facilitano la digestione. Queste aiutano anche la prevenzione dei calcoli renali e a combattere le infezioni delle vie urinarie.

Conosciuto e utilizzato da secoli anche in cosmesi e farmacia, è utilizzato come “sgrassante” anche nelle pulizie grazie alle sue proprietà antibatteriche, disintossicanti ed antiossidanti.

È infine un alimento ipocalorico ed ipoglicemico: rappresenta quindi il condimento ideale per le diete delle persone che hanno necessità di perdere peso e di controllare gli zuccheri nel sangue per il diabete. Il suo essere considerato un “super-alimento” non è però privo di controindicazioni.

mangiare limone

Mangiare un limone al giorno: quando sorgono problemi?

I problemi con l’ingestione di un limone al giorno possono sorgere soprattutto in due casi specifici. Il primo è quello legato a chi ha già problemi digestivi e patologie come ulcere, gastriti e colite. Le fibre e l’acido del frutto possono infatti aumentare l’irritazione già presente aggravando la situazione. Se soffrite di questi disturbi è bene valutare il parere di un medico o di un nutrizionista per la corretta introduzione del limone nella vostra dieta.

Il secondo caso riguarda invece quelle persone che hanno i denti particolarmente deboli: la presenza del limone – e più in generale degli agrumi – aumenta il tasso di acidità nella nostra bocca aumentando il rischio dell’insorgenza di micro-fratture nello smalto. Queste possono portare più facilmente all’insorgenza della carie. Oppure all’aumento della sensibilità dentale alle temperature meno miti, sia verso il caldo che verso il freddo.

Quanto detto non va certo interpretato come una necessità di eliminare il frutto dalla dieta, bensì di mangiarlo con moderazione e tenendo presenti gli effetti collaterali del suo consumo.