Il prezzo del caffè sconvolge l’Italia: ecco cosa sta succedendo

Ah il meraviglioso e inconfondibile caffè. Questa bevanda, la più amata a mondo, è sicuramente la scusa perfetta per vedere gli amici, per prendersi una pausa da studio e lavoro. Il caffè è la giusta occasione per staccare un attimo e riprendere un po’ di energia essendo utile anche per allontanare quei colpi di sonno che ci colpiscono quando abbiamo dormito male e poco.

Il prezzo giusto per un caffè

In tutto il mondo sono moltissime le persone che bevono caffè, sia classico che decaffeinato, sia freddo che caldo, amaro, zuccherato o macchiato oppure sotto forma di cappuccino con della panna e accompagnato da un biscottino. Ma qual è, secondo voi, il prezzo più adatto per un caffè? Secondo alcune ricerche fatte, pare che il costo ideale del caffè sarebbe di €1,50 ma ci sono posti in cui costa meno (anche se ormai sono rimasti veramente in pochissimi) e posti in cui un semplice caffè ha un prezzo esagerato, addirittura fuori dal normale.

Multe salate

La notizia è stata ribattuta diverse volte: una nota caffetteria della bellissima città d’arte di Firenze ha subito una multa salata perché un cliente si è lamentato del costo di un caffè decaffeinato pari a €2.00. La multa è stata comminata in quanto il prezzo non risultava esposto sul menu fornito ai clienti e da quel momento tutto il web è totalmente impazzito facendo partire un vero e proprio “tam tam” importante, incentrato sullo stato dell’arte del caffè dell’Italia.

Scontrini salati?

Purtroppo questo assurdo evento non è successo soltanto a Firenze, ma c’è stato perfino di peggio. Venezia infatti torna a far parlare di sé in modo “fantastico”. E’ successo per uno scontrino abbastanza salato, in cui il prezzo di un semplice caffè è arrivato fino a 6 euro. Tale notizia è balzata fuori da un post pubblicato su Facebook dal cliente che ha dovuto pagare un conto salatissimo per due caffè e due bottigliette di acqua naturale; la notizia arriva fino in Inghilterra dove fa proprio un articolo sulla “denuncia”.

Dalla pubblicazione di quella foto dello scontrino sul web, il telefono del proprietario del bar in questione ha iniziato a squillare senza interruzione ricevendo, per altro, moltissimi insulti e offese di un’esagerazione unica. Il problema comunque rimane ed è quasi sempre lo stesso. Manca l’esposizione sul menu di alcuni costi di prodotto che si vendono senza informare chi li ordina. In questo modo la persona che non presta attenzione a controllarli prima, se ne accorge solamente nel momento del pagamento.