Tre marche di pasta con vermi dentro: ecco quali sono da non comprare

In questo periodo in Italia ci sono diverse notizie che stanno destando preoccupazione agli italiani. In particolar modo si sente spesso parlare di prodotti alimentari ritirati in via del tutto precauzionale dal mercato a causa della presenza di contenuti che risultano parecchio dannosi per la salute dell’uomo. Sono stati trovati dei vermi all’interno della pasta. Si tratta di un fenomeno che non è nuovo alle autorità e che non comporta particolari rischi per la salute umana, ma quando si trovano questi insetti nella pasta bisogna stare attenti e segnalare tali prodotti al punto vendita in cui sono stati acquistati.

Purtroppo in questa estate abbastanza afosa e rovente può capitare che degli insetti vadano a finire nel cibo che abitualmente mangiamo; in alcuni pacchi di determinati marchi di pasta sono stati trovati degli insetti, come farfalline e vermi disgustosi. La situazione sta ovviamente allarmando tutti i consumatori, soprattutto i più fedeli, che non credevano potessero fare i conti con questa terribile situazione. Nella pasta tali insetti nascono facilmente in quanto i parassiti riescono a depositare le loro uova all’interno dei pacchi di cereali che potrebbero non venire distrutte durante tutte le varie fasi di preparazione della pasta.

Uno dei parassiti più noti e il Tenebrio Monitor, che è capace di deporre ben 600 uova nel giro di pochissimi giorni. Per tale ragione la pasta deve essere prodotta con temperature superiori ai 100 gradi Celsius per eliminare ogni parassita possibile ed immaginabile con la presenza di insetti all’interno dei pacchi di pasta e sebbene non presenti comunque alcun problema per la salute dell’uomo può ugualmente innescare delle allergie serie nei soggetti che ne sono preposti. Vediamo insieme cosa sono esattamente queste farfalline, chiamate anche tignole della pasta.

Questi insetti sono appartenenti all’ordine dei Lepidotteri, simili a delle piccole falene che si caratterizzano per un’apertura alare che arriva fino a 20 mm attraversata da una striscia trasversale di colore grigio/argento. Le farfalline fanno la loro apparizione solitamente nei periodi che precedono la bella stagione e in quelli che prediligono gli ambienti caldo-umidi caratterizzati da una scarsa luminosità, come ad esempio le credenze di casa. Le specie più note sono due: la Pyralis Farinalis e la Ephestia kuehniella. Le farfalline della pasta nascono dalle larve (tarme del cibo o camole della farina), ovvero piccoli vermi bianchi dalla testa nera o marrone, di dimensione di carca 1 centimetro in lunghezza. Essi sono ghiotti di biscotti, frutta secca, farina, spezie, cereali e riso.