Quanta camomilla bere la sera? Ecco cosa dicono gli esperti

La pianta della camomilla è molto diffusa e utilizzata in tutto il mondo. I suoi fiori vengono utilizzati in tantissimi modi diversi, come ad esempio in impacchi o in infusi. Gli infusi, in particolar modo, sono quelli preparati più frequentemente poiché non eccitanti, apprezzati proprio per le proprietà rilassanti e sedative. Per questo motivo una bella tazza di camomilla (con l’aggiunta di miele, magari) prima di dormire rappresenta un gradito rito serale per molte persone, che la usano per combattere l’ansia e la paura di non riuscire ad addormentarsi sufficientemente in fretta, o anche semplicemente per prendersi un piccolo momento di relax dopo una giornata frenetica.

La pianta della camomilla è stato protagonista di molti studi, soprattutto negli ultimi anni, i quali hanno permesso di conoscerne e soprattutto di fruttarne proprietà ed effetti benefici sul nostro organismo. In modo particolare, voglio sottolineare uno studio iraniano del 2017, condotto su una popolazione prevalentemente di anziani ospedalizzati, i quali avevano (al momento dello studio) un’età compresa tra i 60 e gli 80 anni, ha dimostrato gli effetti dei fiori di camomilla sulla qualità del sonno. Per essere precisi, i pazienti sono stati divisi in due distinti gruppi.

Ad un primo gruppo di anziani sono state date due capsule di camomilla da 400mg l’una, mentre al secondo gruppo, denominato “di controllo” non è stata data nessuna terapia da seguire. È importante puntualizzare che prima dello studio, i due gruppi non mostravano alcuna differenza nella qualità del sonno, mentre invece dopo l’intervento il gruppo che ha assunto la camomilla, e dunque ha usufruito del suo principio attivo, ha avuto un significativo incremento per quanto riguarda la qualità del sonno. Sulla base di questo e di altrettanti studi simili, gli esperti consigliano una buona e calda camomilla per dormire.

Attenzione con la quantità, poiché si consiglia di non eccedere con l’assunzione di tisane, e di solito una tazza di camomilla tutte le sere è più che sufficiente. Per quanto riguarda la preparazione è opportuno prestare attenzione ai tempi di infusione, così da evitare di preparare (contrariamente a quanto ci si aspetta) una tisana eccitante con effetti del tutto contrari al nostro scopo, disastrosi sul sonno. Si consiglia una infusione breve, di massimo 2-3 minuti. Dopodiché, per avere il massimo dei benefici, vi è la possibilità di aggiungere un po’ di miele, sempre se nel vostro piano dietetico questo alimento è previsto. Mi raccomando: non superate mai i 3 minuti di cottura, altrimenti i fiori di camomilla rilasciano principi attivi con proprietà eccitanti.